Graziato Massimo Sacco

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:27

Gli Emirati Arabi Uniti hanno concesso la grazia a Massimo Sacco, imprenditore romano arrestato lo scorso anno con l'accusa di detenzione e traffico di droga. Lo confermano fonti della Farnesina, secondo cui, grazie anche all'impegno dell'ambasciata italiana ad Abu Dhabi, in stretto raccordo con il ministero degli Esteri, Sacco ha ottenuto la grazia dall'emiro Khalifa bin Zayed al Nahyan e nei prossimi giorni farà rientro in Italia.

L'appello

Da 14 mesi stava scontando la condanna a 27 anni. I primi di gennaio l'appello: “Io sto morendo. Cerca di smuovere qualcosa”, aveva detto, chiedendo alla compagna Monia Moscatelli di farsi portavoce del suo appello. Sacco affermava di “aver rifiutato di prendere farmaci che mi avrebbero fatto morire” e di essere “stato sottoposto a torture atroci da parte delle guardie carcerarie, riportando contusioni in tutto in corpo, incrinazione di tre costole, scosse elettriche ai genitali. A seguito delle scosse elettriche ricevute ai genitali il testicolo sinistro ha assunto le dimensioni di un'arancia, mi procura un dolore atroce e mi impedisce di camminare“.

La vicenda

Sacco, nel dettare il messaggio al proprio legale tramite la compagna, aveva ricostruito la propria storia: “Al momento dell'arresto ero titolare unico di una società di ristrutturazione negli Emirati con appalti milionari. Dopo il mio arresto, con accusa di traffico internazionale di stupefacenti, per 10 grammi di cocaina, senza nessuna prova oggettiva, hanno fatto di tutto per farmi confessare. Ho subito ricatti e botte atroci”. Sacco aveva denunciato nella telefonata le violenze subite anche dalla partner: “Hanno costretto anche la mia compagna, del tutto estranea alla vicenda, a spogliarsi nuda davanti a 10 agenti, tutti uomini, l'hanno costretta ad andare con loro in carcere per una intera notte, il tutto per estorcere a me una falsa dichiarazione, per farmi dire in cambio del suo immediato rilascio che quella droga l'avevo presa in Italia”. L'imprenditore italiano prima di salutare la compagna aveva lanciato un ultimo disperato appello: “Chiama in radio, cerca di smuovere qualcosa. Io sto morendo. Io ci muoio qui. Ho i giorni contati, ho i giorni contati. Ti amo da morire, prova a salvare la mia vita. Vengo a casa lungo. Aiutami”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.