GRAN BRETAGNA, CAMERON LANCIA L’AFFONDO: “RIFORMIAMO SUBITO IL WELFARE”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:30

Iniziano subito le manovre del nuovo governo conservatore di Cameron: il primo ministro del Regno Unito ha promesso uno “stop” al circolo vizioso delle tassazioni su chi ha uno stipendio basso per poi dare a queste stesse persone aiuti di Stato sotto forma di integrazione al reddito o aiuti per l’affitto.

Il discorso di David Cameron si è tenuto a un evento pubblico a Sunderland, dell’Inghilterra nord-orientale, ma era già stato anticipato questa mattina all’alba dalla Bbc, che ha sottolineato come per il premier l’obiettivo principale ora sia “curare le cause del basso reddito e non i sintomi”.

Chiaramente le parole del premier non sono casuali. Già dai giorni scorsi infatti, l’esecutivo del Tory sta andando verso tagli al welfare pari a 12 miliardi di sterline (circa 17 miliardi di euro al cambio attuale), con l’obiettivo di eliminare il deficit entro il 2017-18, un buco che al momento ammonta a 90 miliardi di sterline (circa 126 miliardi di euro). “Troppe persone sono state abbandonate a una vita intera di aiuti dallo Stato”, ha detto Cameron, che ha sottolinato anche che “lavorare è sempre un’opzione migliore.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.