Derna: l'Onu chiede l'accesso umanitario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 18:02

L'Onu ha chiesto l'accesso umanitario urgente nella città di Derna, nella Libia orientale, assediata dall'Esercito nazionale libico, guidato dal maresciallo Khalifa Haftar, che sta cercando di prenderne il controllo a discapito dei gruppi armati islamici asserragliati nell'area.

La richiesta

Secondo un comunicato pubblicato dal coordinatore delle Nazioni Unite per gli affari umanitari in Libia, Maria Ribeiro, la comunità internazionale è turbata dalla continua mancanza di accesso umanitario e di assistenza a Derna, nonostante le ripetute richieste fatte pervenire ai contendenti. “Invito tutte le parti a consentire immediatamente un accesso sicuro e senza ostacoli a Derna per gli attori umanitari e ai beni umanitari urgentemente necessari”, ha detto Ribeiro. “Dobbiamo essere in grado di assistere senza indugio le persone bisognose per prevenire ulteriori perdite di vite”.

Situazione critica

Secondo l'Onu, il perdurante accerchiamento di Derna e l'escalation del conflitto stanno avendo un impatto devastante sui civili. “Tutte le parti devono adempiere ai loro obblighi in base al diritto umanitario internazionale e ai diritti umani e garantire la protezione dei civili dagli attacchi e assicurarne la libertà di movimento, inclusa la possibilità di un'uscita sicura per coloro che desiderano lasciare la città”, si legge nella nota. “Tutte le parti devono anche garantire la sicurezza e l'inviolabilità delle infrastrutture sanitarie e degli operatori sanitari”. Il 15 maggio, almeno sei civili sono stati uccisi e 14 sono rimasti feriti, tra cui un minore, a Derna, a causa dell'escalation del conflitto. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.