Boeing 737, individuata la fusoliera

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:08

Non l'ho vista io stesso ma sono stato informato che è stata trovata la fusoliera”: queste le parole di Muhammad Syaugi, operatore capo della Search and Rescue agency, impegnata nelle ricerche del Boeing 737 della compagnia indonesiana Lion Air, precipitato nel mare al largo di Giacarta trascinando con sé tutte le 189 persone a bordo. Nei giorni scorsi erano stati ritrovati alcuni detriti e la scatola nera dell'aereo, mentre qualche ora fa alcuni sommozzatori hanno individuato i resti della fusoliera e dei motori: “Abbiamo individuato un segnale che potrebbe provenire dal registratore della scatola nera”, ha spiegato ancora Syaugi ai giornalisti.

Deceduto un sommozzatore

Sono oltre 100, al momento, i subacquei impegnati nella ricerca dei resti del Boeing indonesiano, battendo diverse zone di Oceano Indiano, soprattutto nel Mar di Giava, dove le correnti in rapido movimento stanno trasportando ingenti quantità di fango, ostacolando non poco il compito degli operatori. Nelle scorse ore, uno dei sommozzatori, Syahrul Anto, ha perso la vita durante un'immersione: l'uomo, 48 anni, è stato ritrovato privo di sensi da un compagno, preoccupato dopo averlo perso di vista durante le operazioni di recupero: “Anto – ha spiegato Syaugi – era un sommozzatore esperto e qualificato che ha dedicato la sua vita per il nostro Paese”. Il capo delle ricerche ha tenuto a sottolineare che tutti i sub impiegati per le operazioni sono estremamente qualificati, appartenenti a una speciale task force della Marina militare, alla polizia e al team di Basarnas (alcuni sono anche volontari) con una lunghissima esperienza alle spalle.

Registratore danneggiato

Al momento, gli investigatori della Commissione nazionale per la Sicurezza dei trasporti indonesiana dicono che non sono riusciti a isolare dati significativi dal registratore di bordo poiché, pare, alcune parti sarebbero state danneggiate in modo irreparabile. Haryo Satmiko, il vice capo dell'agenzia, ha dichiarato sabato che Boeing e il National Transportation Safety Board stanno utilizzando attrezzature speciali per aiutare le autorità locali a estrarre tali preziose informazioni. A ogni modo, la notizia del danneggiamento del dispositivo è stata un duro colpo per gli inquirenti, i quali speravano di poter estrarre materiale utile sulle manovre in corso sul velivolo al momento dell'incidente e poter in tal modo determinare le cause della perdita di quota e dello schianto fatale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.