“Librerie Verdi” all’Orto Botanico: al via l’iniziativa dell’Università di Cagliari

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:30

Una libreria immersa nel verde, dove potersi concedere la lettura di un buon libro circondati da alberi secolari. E’ questo il succo dell’iniziativa promossa dall’Università di Cagliari che, grazie alla collaborazione dei dipendenti dell’Orto Botanico della città, ha dato il via alle prime “Librerie verdi Hbk” di Italia.

L’iniziativa

Il nuovo servizio, inaugurato dal rettore dell’Università, Maria Del Zompo, e dal direttore dell’Orto Botanico, Gianluigi Bacchetta, offre ai visitatori di uno dei luoghi più belli di Cagliari, la possibilità di leggere un libro gratuitamente mentre si trovano all’interno del parco. Il progetto è stato ideato e realizzato dai dipendenti dell’Orto, in collaborazione con la Direzione per i Servizi Bibliotecari dell’ateneo cagliaritano, che hanno piazzato gli scaffali in diversi punti: uno sotto il cipresso calvo, il più alto fra gli alberi dell’Orto Botanico e anche uno dei più antichi, altri si trovano vicino alla vasca centrale e alla cava romana. Chiunque visiterà l’Orto potrà leggere i volumi, di vari generi e argomenti, o portarli con sé, scambiarli o portarne di nuovi. Le librerie verdi Hbk (acronimo di Hortus Botanicus Kalaritanus) sono per ora quattro, ma il loro numero è destinato ad aumentare.

L’Orto Botanico

L’Orto Botanico è aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18, festivi inclusi, con l’eccezione del lunedì, dedicato alle manutenzioni a meno che non coincida con l’arrivo di navi da crociera. Per gli studenti universitari è completamente gratuito. Per tutti i visitatori sono previsti abbonamenti e forme di incentivazione, come quella per i residenti a Cagliari, che pagano il biglietto la metà, grazie a una convenzione firmata dall’università col Comune.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.