Le rovine del Palatino “ospitano” l’arte contemporanea

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:26

Il connubio tra antico e moderno torna ad animare le rovine del Palatino con una mostra di arte contemporanea che resterà aperta da oggi al 29 ottobre.

La mostra, a cura del critico Alberto Fiz e del soprintendente Francesco Prosperetti, e promossa da Soprintendenza Speciale Archeologia, Belle Arti e Paesaggio di Roma, Associazione ALT – Arte Lavoro Territorio Arte Contemporanea – ed Electa, presenta 100 opere tra grandi installazioni, sculture, dipinti, fotografie e opere su carta di artisti provenienti da 25 diverse nazioni.

Si tratta di nomi di primissimo piano dell’arte contemporanea come Marina Abramović, Gino De Dominicis, Marcel Duchamp, Gilbert & George, Joseph Kosuth, Barbara Kruger, Richard Long, Allan McCollum, Vettor Pisani, Michelangelo Pistoletto, Remo Salvadori, Mario Schifano, Mauro Staccioli ma, come spiegano i promotori, saranno affiancati dai lavori di alcuni tra i più significativi esponenti delle ultime generazioni quali Mario Airò, Maurizio Cattelan, Anya Gallaccio, Cai Guo-Qiang, Claudia Losi, Paul McCarthy, Sisley Xhafa, Vedovamazzei e Luca Vitone.

L’allestimento si snoda tra lo Stadio, il peristilio inferiore della Domus Augustana, le terrazze e le Arcate Severiane. Intitolata “Da Duchamp a Cattelan. Arte contemporanea sul Palatino”, ospita una selezione delle opere tra le mille custodite nel museo ‘Alt’, fondato dall’architetto Tullio Leggeri, uno dei maggiori collezionisti italiani.

“Architettura, identità, comunicazione, creazione – spiegano i promotori – sono temi che la contemporaneità interpreta spesso con disinvolta ironia, in maniera destabilizzante, rifiutando ogni dogma: a confronto con le maestose architetture dei palazzi imperiali del Palatino, questi materiali ci interrogano sul senso del tempo e della permanenza. Sono interventi – molti dei quali creati appositamente per questo progetto al Palatino – che non vogliono essere rassicuranti, ma che suggeriscono differenti percorsi di comprensione dell’antico”.

La mostra è aperta fino al 31 agosto dalle 8.30 alle 19.15; dal 1 al 30 settembre dalle 8.30 alle 19; dal 1 al 28 ottobre dalle 8.30 alle 18.30 e il 29 ottobre dalle 8.30 alle 16.30. L’ultimo ingresso si effettua un’ora prima della chiusura del monumento, con ingresso in via di S. Gregorio.

Foto Ansa

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.