Gli Esercizi spirituali alla scuola di sant’Ignazio di Loyola

ULTIMO AGGIORNAMENTO 4:00

Il discernimento spirituale si presenta come il sincero lavoro della coscienza, nel proprio impegno di conoscere il bene possibile in base a cui decidersi responsabilmente nel corretto esercizio della ragione pratica, all’interno e alla luce della relazione personale con il Signore Gesù”. Questo è uno dei punti fondamentali del Documento finale del Sinodo dei Vescovi consegnato al Santo Padre lo scorso 27 ottobre, al termine della XV Assemblea generale ordinaria sul tema: I giovani, la fede e il discernimento vocazionale. In effetti, la contemplazione dei diversi aspetti della vita terrena del Salvatore, dalla “vita nascosta alla vita comunitaria, dalla vicinanza agli ultimi alla povertà e altre manifestazioni del suo donarsi per amore”, come proponeva sant’Ignazio di Loyola, “ci orienta a renderli carne nelle nostre scelte e nei nostri atteggiamenti”, scrive Papa Francesco nella sua ultima Esortazione apostolica Gaudete et exsultate (n. 20). Sono numerose le citazioni del fondatore della Compagnia di Gesù e degli Esercizi spirituali da parte del Pontefice (da ultimo vedi la sua Lettera al Popolo di Dio pubblicata il 20 agosto 2018) e, anche per questo motivo, s’inserisce pienamente nella sequela del Magistero di Bergoglio il nuovo Dvd, intitolato Un cavaliere diventato pellegrino. Imparare a scegliere alla Scuola di Ignazio di Loyola, che sarà presentato in anteprima a Roma il 3 dicembre prossimo. Curato da Antonella Luberti, professionista romana e autrice del libro “Non affannatevi dunque per il domani. A ciascun giorno basta la sua pena” (Edizioni Segno 2017) e da Silvia Guidi, giornalista e redattrice de “L’Osservatore Romano”, il documentario verrà proiettato alle ore 19, presso la sala AnicaAgis, in viale Regina Margherita 286.

Il prodotto, della durata di 70 minuti, è stato realizzato a Roma e in Spagna e presenta, con stile giornalistico e comunicativo, la vita di sant’Ignazio di Loyola ed i suoi Esercizi Spirituali, offrendo alla Chiesa e alle comunità cristiane un vero e proprio “servizio di evangelizzazione”. La via che il fondatore dei Gesuiti, infatti, è quella di un cambiamento interiore che, Ignazio, ha vissuto da cavaliere, attento agli ideali mondani, a pellegrino, spogliato dell’armatura ma guidato da Dio, ma che rimane valida per ogni cristiano del XII secolo. Il Dvd è arricchito anche da un intervento-video dell’arcivescovo emerito di Palermo cardinal Salvatore De Giorgi che, a ragion veduta, si diffonde sulla “dinamica” e sulla ricchezza degli Esercizi Spirituali essendo stato per tanti anni presidente della FIES-Federazione Italiana Esercizi Spirituali. All’appuntamento di lunedì 3 dicembre interverranno, oltre alle due già citate curatrici Antonella Luberti e Silvia Guidi, il cardinal De Giorgi, padre Gaetano Piccolo S.I., docente alla Facoltà di Filosofia della Pontificia Università Gregoriana, padre Pietro M. Schiavone, professore emerito di Teologia spirituale nella Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale e, infine, p. Massimo Marelli, vice Rettore della Chiesa del Gesù e docente di Teologia alla Lumsa.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.