Franceschini: “Scioperi nei musei? Valgono le regole dei servizi pubblici”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:00

Una proposta lanciata nello studio di Che Tempo Che Fa di Raitre e già destinata a far discutere: Dario Franceschini, ministro del MibAct, vuole arrivare a una disciplina che “porti anche i luoghi della cultura al rango del servizio pubblico”, e per farlo, spiega, è necessario che esistano norme ben precise atte ad evitare scioperi selvaggi nell’ambito dei beni culturali. Come quello di Pompei, che dalla Campania ha fatto il giro del mondo.

Motivazione? A detta di Franceschini è ispirata al buon senso: “Quando hai mille o duemila turisti in fila – afferma – persone che hanno prenotato il biglietto mesi prima, con tutti i riflettori del mondo puntati, e fai un’assemblea sindacale tre giorni di seguito, dalle 8,30 alle 11,30, è chiaro che non stai esercitando un diritto ma cerchi di creare problema, e stai anche danneggiando il Paese”. Così come ci sono regole precise per i servizi pubblici, secondo il Ministro devono essercene anche per i musei e per i luoghi della cultura. Secondo il ministro, non c’è da farne “un problema generale di azione sindacale, ma di alcune frange che creano un problema e fanno del male anche ai sindacati”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.