A Modena la fotografia racconta i big del cinema

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:28

A Modena il cinema va in mostra. Da Marilyn Monroe a Woody Allen, da Robert De Niro a Nanni Moretti e Paolo Sorrentino, i big del grande schermo saranno i protagonisti dell’ esposizione allestita al Palazzo Santa Margherita dal 7 febbraio.

L’evento ha la firma di numerosi fotografi famosi quali Anton Giulio Bragaglia, Ugo Mulas, Tazio Secchiaroli, Gabriele Pagnini, David Gamble, Jean Francois Bauret, Philippe Antonello. L’importante rassegna intitolata “The Cinema Show” curata da Daniele De Luigi e Marco Pierini, raccoglierà le più belle foto dei personaggi che hanno fatto la storia della “settima arte”, come la definì nel 1921 il critico Ricciotto Canuta, descrivendo il cinema come un nuovo mezzo di espressione capace di unire in sintesi l’estensione dello spazio e la dimensione del tempo.

L’esposizione abbraccerà un intero secolo: dal cortometraggio sperimentale ‘Thaïs’ di Anton Giulio Bragaglia, girato nel 1917, fino ai film italiani e internazionali degli ultimi anni e aalle sue stelle più acclamate, da Woody Allen a Bill Murray.

Sarà possibile ammirare fotografie di scena, ritratti in studio, scatti eseguiti durante le pause sul set oppure in strada, dove i visitatori riscopriranno i famosi divi del mondo dello spettaccolo: Marlene Dietrich e Carroll Baker, John Huston e Tony Curtis, Totò e Roberto Benigni, Claudia Gerini e Cristiana Capotondi. A questi saranno accompagnati i volti dei registi che hanno magistralmente condotto le fila di questa nuova arte senza precedenti.

La rassegna presenterà dunque l’opera di circa 40 fotografi, alcuni dei quali hanno dedicato un’intera vita professionale al cinema, mentre altri, nel corso della loro carriera, hanno ritratto i protagonisti solo in modo occasionale.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.