Rissa fra famiglie rivali a Biella, un ferito è gravissimo

Sono venti le persone coinvolte in una possibile sparatoria avvenuta la scorsa notte nel Villaggio La Marmora, a Biella

ULTIMO AGGIORNAMENTO 9:43
Una rissa tra ragazzi (immagine di repertorio)

Due feriti, di cui uno gravissimo forse colpito da un proiettile alla testa, e uno in codice giallo. E’ il bilancio della possibile sparatoria avvenuta la scorsa notte fra due famiglie del Villaggio La Marmora, a Biella.

La dinamica

Dalle prime testimonianze erano da poco passate le 22 quando i residenti avrebbero sentito almeno un paio di spari. Durante lo scontro, al quale avrebbero preso parte venti persone, sono volati anche bastoni e coltelli. Il pestaggio è avvenuto in una traversa di corso 53/o Fanteria, la stessa in cui nei mesi scorsi si erano già verificati analoghi episodi.

Sembra che la rivalità tra i due nuclei familiari, in una zona degradata della città, vadano avanti ormai da tempo. Tra i partecipanti, oltre a ragazzi e donne, ci sarebbero anche persone giunte da fuori Biella per dar man forte a entrambe le famiglie. Sono immediatamente intervenute le pattuglie della Squadra volante e della Mobile della Polizia. Presenti anche un paio di ambulanze del 118 che hanno trasportato 2 feriti al pronto soccorso dell’ospedale di Ponderano.

Il precedente a Biella

L’ultimo episodio di degrado al Villaggio Lamarmora risale al febbraio scorso. La maxi rissa, che ha visto coinvolte oltre 20 persone, era scoppiata verso le ore 18 del 4 febbraio, nei pressi dello skate park. I partecipanti, tutti italiani, appartengono a due famiglie del posto, da sempre in lotta fra di loro.

Il bilancio è stato di una persona ricoverata in ospedale con ferite giudicate guaribili in venti giorni e di cinque denunciati. Alla base di questi episodi c’è l’antica rivalità fra due storiche famiglie del quartiere, che si rinnova di generazione in generazione, e alla quale non si riesce a porre fine.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.