Covid: Tunisi in lockdown notturno, è boom dei contagi

Dopo Berlino, Parigi e Bruxelles. Record di casi positivi in Germania

ULTIMO AGGIORNAMENTO 8:52
contagi

Per contrastare la diffusione del coronavirus e del numero di contagi le autorità tunisine hanno decretato la misura del coprifuoco notturno. Si parte da stasera per 15 giorni, nella “Grand Tunis“, ovvero la macro area urbana della capitale che comprende i governatorati di Tunisi, Ariana, Ben Arous, e Manouba, con oltre 2,6 milioni di abitanti. Lo ha reso noto la tv di Stato Watanya 1 nella serata di ieri precisando che l’orario del coprifuoco andrà dalle 21.00 alle 5.00 nei giorni feriali e dalle 19.00 alle 5.00 il sabato e la domenica. Saranno esentati dalla disposizione solo i lavoratori dei servizi essenziali.

I dati allarmanti della Tunisia

Nelle ultime settimane la Tunisia ha registrato un forte incremento dei contagi. Gli ultimi dati resi noti dal ministero della Sanità, riferiti al 4 e 5 ottobre scorso, parlano di altri 2.312 contagi, per un totale di 24.542 infezioni dall’inizio dell’epidemia. Il bilancio dei decessi è di 364, di cui 43 nelle 48 ore considerate. Altre misure di coprifuoco notturno sono state adottate anche a Sousse, Monastir, Sidi Bouzid e Kef.

Nuovo boom di contagi in Germania

Nelle ultime 24 ore sono stati registrati oltre 4.000 nuovi contagi, mai così tanti dall’11 aprile, quando il paese era ancora in lockdown. Erano stati 2.898 il giorno precedente. L’istituto Robert Koch sul proprio sito ne segnala 4.058, portando il bilancio complessivo a 310.144. La preoccupante impennata dei contagi in Germania è arrivata con l’approssimarsi delle vacanze scolastiche autunnali, tanto che il governo ha chiesto ai cittadini di evitare i viaggi all’estero in questo momento.

Cresce il numero di pazienti in terapia intensiva (449), circa 100 in più rispetto alla settimana scorsa, e altrettanto aumentano i pazienti attaccati al respiratore (219). Ma i posti liberi in terapia intensiva sono ancora circa 8900, riferisce il Tagesschau. Dall’inizio della pandemia gli infettati sono oltre 306.000, mentre sono 267.700 i guariti e 9562 i morti. In 24 ore i decessi sono stati 16.

Le dichiarazioni di Macron

“L’epidemia continua a crescere. In alcuni territori siamo riusciti a frenare le cose, ma il virus circola piu veloce. E nei luoghi dove circola troppo veloce, in particolare, tra le persone adulte e dove ci sono troppi posti letto occupati negli ospedali, allora dovremo andare verso maggiori restrizioni: il presidente francese, Emmanuel Macron, intervistato in diretta in tv, ha commentato cosi’ le ultime cifre record sul coronavirus in Francia, con 18.746 casi in 24 ore. “Non siamo e non saremo in un tempo normale” nei prossimi mesi, ha proseguito Macron, insistendo, tra l’altro, sulla necessità di “responsabilizzare i cittadini”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.