Cardinal Becciu: nessuna autorità può interrompere una Messa

Interviene il Prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi su quanto accaduto a Gallicano domenica scorsa

ULTIMO AGGIORNAMENTO 19:38
Kardinal Giovanni Angelo Becciu, ernannter Präfekt der Kongregation für die Selig- und Heiligsprechungsprozesse, am 28. Juni 2018 im Vatikan.
“A un sacerdote esterrefatto per quanto accaduto a un confratello nella diocesi di Cremona ho detto: deve essere difeso il principio che a nessuna autorità è consentito di interrompere la messa. Se il celebrante è reo di qualche infrazione sia ripreso dopo, non durante!”. Con queste parole il cardinale Becciu, prefetto della Congregazione per le Cause dei Santi, ha commentato quanto è accaduto a Gallignano, frazione di Soncino.

Celebrazione alla presenza dei fedeli

Qui domenica scorsa, il parroco, don Lino Viola, ha celebrato messa in diretta Facebook, ma con la presenza di una quindicina di fedeli in Chiesa, tra cui dei parenti di vittime del Covid-19. Immediatamente i carabinieri si sono presentati sul posto interrompendo il sacerdote nel mezzo della celebrazione, eppure, ciò nonostante, Don Viola ha continuato a celebrare. Ai fedeli presenti e al parroco verrà comminata una multa.

Il commento dalla diocesi di Cremona

Per la diocesi di Cremona, che ha espresso rammarico per l’accaduto, il sacerdote però ha sbagliato. In una nota ha  sottolineato che non ha potuto “non sottolineare con dispiacere che il comportamento del parroco è in contraddizione con le norme civili e le indicazioni canoniche che ormai da diverse settimane condizionano la vita liturgica e sacramentale della Chiesa italiana e cremonese”. E questo pur mostrando comprensione “dell’intima sofferenza e del profondo disagio di tanti presbiteri e fedeli per la forzata e prolungata privazione dell’Eucaristia” . 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.