Clochard muore al pronto soccorso: nessuno se ne accorge

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:32
Economico

Un senzatetto è morto nel pronto soccorso dell'ospedale Santa Croce di Moncalieri senza che nessuno se ne accorgesse. La tragedia è avvenuta la notte di giovedì 2 maggio 2019 nella sala d'attesa del pronto soccorso dove l'uomo era stato portato a bordo di un'ambulanza dal centro commerciale Il Gigante – sulla ex statale 20 a La Loggia – dopo che alcuni passanti avevano chimato i soccorsi vedendolo accasciato tra i cartoni: sembrava spaesato e debole.

Il decesso

Il direttore sanitario della struttura dice – su Repubblica – che non presentava alcuna patologia, che i medici gli hanno offerto la colazione e che lui ha firmato i fogli per poter lasciare l'ospedale senza sottoporsi ad altri controlli più approfonditi. Ma dopo qualche ora, forse per un malore o forse per la pioggia battente, è tornato nello stesso pronto soccorso e si è seduto su una delle sedie della sala d'attesa. Lì si è accasciato, seduto tra gli altri pazienti, e sembrava che si fosse addormentato, ma in realtà era morto. Solo intorno alle 9 uno degli altri pazienti in attesa si è accorto che non respirava più e ha dato l'allarme. Ma ormai per il senzatetto non c'era più nulla da fare: inutili i tentativi di rianimarlo. “In molti non si sentono sicuri nei dormitori e preferiscono cercare riparo nelle corsie degli ospedali. Accade qui come in altri nosocomi della zona” spiegano sempre su Repubblica dall'ospedale di Moncalieri. Sull'accaduto è stato aperto un fascicolo di inchiesta di atti relativi, senza indagati né ipotesi di reato, da parte del pm Mario Bendoni. Sul posto, per identificarlo, sono intervenuti i carabinieri della compagnia cittadina, ma per il momento l'uomo resta senza un'identità precisa: non aveva documenti e nessuno ne ha denunciato la scomparsa: il caso è rubricato come “Ignoto1”. Il decesso, riportano i sanitari, è avvenuto per cause naturali.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.