Banco dei Desideri, il sogno di un bambino che si realizza

L'intervista di Interris.it a Tatyana Crespolini in merito all'iniziativa "Banco dei Desideri di Fondazione Mission Bambini e Librerie Feltrinelli

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:04
© Roberto Morelli

Secondo gli ultimi dati diffusi dall’Istat, sono in condizione di povertà assoluta poco più di 1,9 milioni di famiglie e circa 5,6 milioni di individui. In particolare, le famiglie in povertà assoluta in cui sono presenti minori sono quasi 762mila, con un’incidenza del 12,1%. Ciò si riflette, anche e soprattutto, sul diritto allo studio dei bambini che viene messo a rischio.

Il Banco dei Desideri

Per arginare la povertà educativa minorile e garantire il diritto allo studio, la Fondazione Mission Bambini, realtà nata nel 2000 su impulso dell’imprenditore e ingegnere Goffredo Modena, con l’obiettivo di sostenere l’infanzia in difficoltà in Italia e nei Paesi più poveri, insieme alle Librerie Feltrinelli, ha dato vita all’iniziativa denominata “Banco dei Desideri” che, con varie donazioni di materiale scolastico, sostiene i bambini in difficoltà. Interris.it, in merito a ciò, ha intervistato Tatyana Crespolini, Corporate Fundraising Manager della Fondazione Mission Bambini.

© Roberto Morelli

L’intervista

Come nasce e che obiettivi ha l’iniziativa “Banco dei Desideri”?

“L’iniziativa “Banco dei Desideri” nasce da una comunione di intenti tra noi e le librerie Feltrinelli, con le quali collaboriamo ormai da quattro anni. La finalità è quella di dare, a tutti i bambini dai tre ai quattordici anni di età, le stesse opportunità. In particolare, dagli ultimi dati diffusi dall’Istat, Abbiamo visto che, in Italia, ci sono oltre 1,4 milioni di bambini in situazione di povertà assoluta, che significa anche povertà educativa. Quindi, soprattutto in questo periodo di ripartenza della scuola, sappiamo quali sono i costi che ricadono sulle famiglie per l’acquisto dei materiali necessari. Grazie a Feltrinelli e ai suoi clienti, abbiamo cominciato questa iniziativa per cui, ogni persona che si reca nelle librerie del gruppo, potrà acquistare dei prodotti che poi verranno distribuiti ai bambini che hanno più bisogno, in modo tale che, anche loro, possano andare a scuola con tutto ciò che serve.”

In che modo, chi lo desidera, può aiutare questa iniziativa?

“L’iniziativa si tiene il 17 e il 18 settembre, in 111 librerie Feltrinelli, sparse in oltre 70 città italiane. Ci si può recare in un punto vendita, che è abbinato a un nostro centro per l’infanzia o a una scuola e si possono acquistare uno o più prodotti selezionati dai librai della Feltrinelli. In particolare, possono essere quaderni, penne, dizionari, vocabolari, atlanti, giochi educativi e libri di favole per tutte le fasce d’età. In seguito, i nostri volontari nei punti vendita, raccolgono il materiale che verrà spedito in specifici centri.”

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.