DOMENICA 29 APRILE 2018, 20:57, IN TERRIS


POLITICA

Spallata di Renzi a Di Maio: "Nessun governo insieme"

L'ex segretario del Pd a "Che tempo che fa"

ANGELA ROSSI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
"N

on possiamo far passare il messaggio che il 4 marzo sia stato uno scherzo. Il Pd ha perso: tocca a Salvini e Di Maio a governare. Non possiamo rientrare dalla finestra come un gioco di palazzo". Le dichiarazioni dell'ex segretario del Pd Matteo Renzi, intervenuto alla trasmissione di Rai1 Che tempo che fa, sembrano un macigno sopra la possibilità di un asse di governo tra i dem e i 5stelle. Una posizione la sua, dice Renzi, condivisa dalla maggior parte dei senatori del suo stesso partito: "Su 52 senatori Pd, almeno 48 devono votare a favore. Io di disponibili alla fiducia a Di Maio non ne conosco uno". Ci tiene, poi, a precisare: "Non è una ripicca dire di no, ma dignità e etica nel rispetto del voto".


"Ci provino Di Maio e Salvini"

Il Pd dunque, per Renzi, deve restare all'opposizione. "Non possiamo con un gioco di palazzo rientrare dalla finestra dopo che abbiamo perso le elezioni. Se sono capaci ci provino Di Maio e Salvini". Anche perché, insiste, "abbiamo fatto una campagna elettorale durissima sulla base di proposte specifiche. Non è pensabile ignorare ciò che la gente ci ha detto. Io temo per il gioco democratico". E a proposito di proposte specifiche, l'indice dell'ex sindaco di Firenze è puntato contro un cavallo di battaglia della campagna elettorale del M5S: "Il reddito di cittadinanza per me non sta né in cielo né in terra".


Sì a un incontro con Di Maio, ma niente fiducia

Renzi, comunque, si è detto disponibile a incontrare Di Maio ma non a votare la fiducia a un governo guidato dal rappresentante dei 5 stelle. "Incontrarsi è un bene, sempre. Si parlano le Coree, si possono parlare Cinque Stelle e Pd, Cinque Stelle e Lega. Penso che incontrarsi con Di Maio sia un fatto normale, naturale, come con altri leader. Secondo me andrebbe fatto in streaming l'incontro. Così vediamo se hanno cambiato idea su vaccini tav e reddito di cittadinanza. Però le elezioni le hanno vinte loro". Renzi sottolinea però che è irrealistico pensare a Di Maio primo ministro. "Lo pensa solo Di Maio. Tanto di cappello a chi ha preso il 32%, ma non è il 51%. O qualcuno gli regala il 19%, ma venire a chiedere i voti a chi hai accusato di mali di tutta Italia" è assurdo.


La riforma costituzionale

Nel corso della trasmissione di Fabio Fazio, l'ex segretario del Pd ha rimandato le lancette dell'orologio al 4 dicembre 2016, data del referendum costituzionale che le urne hanno bocciato. "Dal 4 dicembre 2016 questo Paese è bloccato - rileva - su questo si poteva fare un governo insieme. Da quel momento l'Italia non è più in grado di avere un sistema efficace ed efficiente. Non era un referendum sui poteri di Renzi ma sul futuro dell'Italia". L'ex leader del centrosinistra sottolinea che Di Maio e Salvini avrebbero tratto vantaggio dalla vittoria del sì a quel referendum, e poi insiste: "Se loro non riescono a fare il governo, che facciano una proposta per cambiare e una riforma costituzionale" che preveda un diverso assetto istituzionale e il ballottaggio. Certo è che, secondo Renzi, tornare a votare "sarebbe un gigantesco schiaffo ai cittadini", perché vorrebbe dire che "quelli che hanno detto 'abbiamo vinto' non riescono a fare niente".


"Nel Pd mi hanno massacrato"

Infine l'ex segretario del Pd non manca di togliersi qualche sassolino dalle scarpe rivolgendo lo sguardo al Nazareno. Per lui il Pd "deve guardare in faccia la realtà. Deve smettere di litigare al proprio interno. Sono stato massacrato per cinque anni. C'era una opposizione interna che invece di attaccare Salvini attaccava me".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
San Giovanni Paolo II abbraccia un bambino
INAUGURAZIONE

In Spagna la famiglia secondo Karol Wojtyla

Aperta la nuova sezione del Pontificio Istituto teologico Giovanni Paolo II a Madrid
16 ottobre 1943: il rastrellamento del ghetto di Roma
ANTISEMITISMO

Shoah, Raggi: "Roma non dimentica"

Oggi si commemora il rastrellamento del Ghetto avvenuto il 16 ottobre 1943
Ordinazione sacerdotale in Vaticano
LATINA-TERRACINA-SEZZE-PRIVERNO

Una lampada itinerante per le vocazioni

L'icona di una Madonna con il Bambino della famiglia di santa Maria Goretti accompagna il pellegrinaggio
Bus incidentato (immagine di repertorio)
VIA CASSIA

Bus si schianta contro un albero: 10 feriti

Il mezzo è finito fuori strada, ancora ignote le cause dell'incidente
La nave Ocean Viking in porto
PUGLIA

Ocean Viking: sbaracati a Taranto 176 migranti

Mons. Santoro: "Oggi fortunatamente possiamo parlare di vita e non di morte"
Spaccio
NUOVE MISURE ANTI-TRAFFICANTI

Giro di vite del Viminale contro la droga

Il Ministero dell’Interno chiede ai prefetti più vigilanza sulle piazze di spaccio
Liechtenstein-Italia 0-5. Bernardeschi festeggiato dai compagni dopo la rete del vantaggio - Foto © Twitter
QUALIFICAZIONI EURO 2020

Italia, pokerissimo al Liechtenstein e filotto da record

Mancini come Pozzo: nove successi di fila. A Vaduz è 5-0: doppietta di Belotti, a segno Bernardeschi, ElSha e Romagnoli
La corona di fiori gettata in acqua da Paa Francesco
MIGRANTI

Naufragio a Lampedusa, localizzati dodici corpi

Il barchino affondato la scorsa settimana è a 60 metri di profondità. Tra i corpi, anche un bimbo abbracciato alla...
Alcuni dei gesti più emblematici nella storia recente dello sport. In basso, lo stadio di Pyongyang vuoto
CASI STORICI

Sport e politica, un binomio complicato

Dal saluto militare turco alle proteste olimpiche, fino al match fantasma tra le Coree: gesti clamorosi che, nel bene o nel male,...
Don Oreste Benzi
FEDE

Don Benzi sulla strada della beatificazione

Si è chiuso il processo diocesano sul sacerdote Servo di Dio. La gioia della Comunità Papa Giovanni XXIII:...
Intelligenza artificiale
TECNOLOGIA

Boom dell’Intelligenza artificiale

In Italia è previsto un aumento di 13% del Pil entro il 2030. Una rivoluzione economica che però ha bisogno di...
Sinodo per l'Amazzonia
SINODO PER L'AMAZZONIA

Sinodo, continuano i lavori: Eucarestia, donne e rito indigeno fra i temi

Per la regione panamazzonica si profila sempre di più una Chiesa dal volto indigeno