MERCOLEDÌ 24 GENNAIO 2018, 12:51, IN TERRIS

QUOTE LATTE

La Corte europea chiede 1,3miliardi ai produttori italiani

La richiesta è per aver superato la produzione nel periodo 1995-2009

SIMONE PELLEGRINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Mungitura di una mucca
Mungitura di una mucca
I

l tema delle quote latte torna al centro del dibattito. La Corte di giustizia europea, infatti, ha sentenziato oggi: "L'Italia inadempiente sulle quote latte, in quanto non ha fatto in modo che il prelievo supplementare fosse a carico degli effettivi responsabili della sovrapproduzione tra il 1995 e il 2009".


La cifra

Dopo due anni di dibattimento, è dunque questa la sentenza relativa al mancato recupero dagli effettivi responsabili di una cifra stimata in 1,34 miliardi di multe sulle quote latte in quel lasso di tempo. La Corte di Lussemburgo sottolinea che non contesta all'Italia il mancato recupero in sé, ma "il non avere predisposto, in un lungo arco temporale (oltre 12 anni), i mezzi legislativi ed amministrativi idonei ad assicurare il regolare recupero del prelievo supplementare dai produttori responsabili della sovrapproduzione".

Secondo quanto riferito all'Ansa, l'Agea (Agenzia per le erogazioni in agricoltura) ha provveduto a notificare le relative cartelle tramite Equitalia e si appresta altresì a procedere con le azioni esecutive, mentre 459 milioni non risultano ad oggi esigibili a causa del protrarsi dei contenziosi.


Martina: "Colpa delle destre e della Lega"

"E' una pesante eredità che arriva dal passato e che ha forti responsabilità nelle scelte fatte in particolare dalla Lega e dalla destra a quel tempo al Governo. Purtroppo prima del 2014 sono state prese decisioni che hanno danneggiato migliaia di allevatori onesti e tutti i cittadini, visto che lo Stato ha già pagato 4,5 miliardi di euro", commenta il ministro delle politiche agricole Maurizio Martina. "Noi - aggiunge - in questi ultimi anni invece non abbiamo messo la polvere sotto il tappeto e abbiamo avviato un percorso di risanamento. Per responsabilità del malgoverno leghista degli anni passati gli italiani pagano ancora purtroppo un conto salatissimo".


La posizione di Coldiretti

La procedura d'infrazione a carico dell'Italia si è aperta nel 2013, nel 2015 la Commissione stimava che, dell'importo complessivo restassero ancora da recuperare dai produttori 1,34 miliardi. Questa situazione - commenta Coldiretti - è "determinata da una disattenzione nei confronti delle politiche comunitarie sulla quale si sono accumulati errori e ritardi che hanno danneggiato la stragrande maggioranza degli allevatori italiani che hanno rispettato le norme negli anni. Le pendenze a cui fa riferimento l'Ue riguardano poche centinaia di soggetti con un comportamento che mette a rischio le casse dello Stato e fa concorrenza sleale alla maggioranza dei 32mila allevatori italiani".


Le proteste

Le quote latte erano un limite di produzione del prodotto per ciascun allevatore imposto dall'Unione europea e cessato nel 2015. A metà anni Novanta arrivarono però le prime sanzioni da Bruxelles per il mancato adempimento da parte di alcuni allevatori italiani. La questione scatenò però plateali proteste da parte di molti di loro. Essi ritenevano la coercizione dannosa per l'economia italiana. Alla base del malcontento, un presunto errore nel quantitativo globale di riferimento del latte prodotto in Italia da parte del Ministero dell'Agricoltura negli anni Ottanta. Il dato di 8.823 migliaia di tonnellate di latte prodotto era, secondo le associazioni di categoria, sottostimato.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ArcelorMittal
IL CASO

Ex Ilva, Conte boccia il piano Mittal

Il premier respinge il programma anti-esuberi presentato dal gruppo franco-indiano
L'esterno della villetta dov'è avvenuto l'incidente
VALSAMOGGIA

Sente rumori in casa, spara e uccide un uomo

Il tentativo di effrazione all'alba in una villa di campagna a Bazzano. Cinque i colpi esplosi dal custode
Un'auto della polizia
LOTTA ALL'ILLEGALITÀ

Appalti truccati e corruzione, 10 arresti a Roma

L'inchiesta sull'aggiudicazione di appalti sulla gestione e ristrutturazione del fondo di previdenza del Ministero...
L'intervento degli artificieri
ROMA

Pacco bomba destinato al Viminale: poteva esplodere

Firmato dai "Nemici dello Stato", conteneva inneggiamenti al ritorno di Salvini al Ministero degli Interni
IL PUNTO

Il Governo, fra tensioni e provocazioni

In Italia la maggioranza resta tesa, mentre il Centro-destra è scettico sul futuro dell'esecutivo
FRONTIERE DELL'INNOVAZIONE

Come l'Intelligenza artificiale incide sulla cybersicurezza

Martedì a Roma la conferenza del direttore dell'Agenzia spaziale di Israele Isaac Ben Israel sulle prospettive di un...
Alluvioni in Italia
CLIMATE RISK INDEX 2019

In Italia 20mila morti per "eventi meteorologici estremi"

Siamo al sesto posto nel mondo per numero di vittime e diciottesimi per le perdite economiche
I soccorsi
HAWAII | USA

Spari a Pearl Harbor, due morti

Un militare della marina americana apre il fuoco contro dei civili, 2 vittime e un ferito, poi si suicida

Retribuzioni al palo

I lavoratori italiani percepiscono i salari più bassi tra i paesi OCSE: i paesi più industrializzati...
Il presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno
FONDO SALVA STATI

Bruxelles: riforma Mes, tutto deciso

Il presidente dell'Eurogruppo chiude a ogni modifica: accordo politico già raggiunto
OMICIDIO SACCHI

Anastasiya: non sapevo di avere soldi nello zaino

La ragazza risponde alle domande del gip. Ieri gli altri ragazzi coinvolti si erano avvalsi della facoltà di non...
EMERGENZA-CRIMINE

Dopo i roghi a Centocelle,operazione "negozi sicuri"

Stanziati 500 mila euro per le imprese commerciali colpite da atti criminosi