MERCOLEDÌ 14 AGOSTO 2019, 12:27, IN TERRIS

IL RICORDO

Genova, la memoria che diventa rinascita

La città si prende per mano nel giorno del dolore. Conte: "Dobbiamo lavorare ancora"

DAMIANO MATTANA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La Croce di San Giorgio di Genova svetta sul cantiere del nuovo ponte - Foto Sky
La Croce di San Giorgio di Genova svetta sul cantiere del nuovo ponte - Foto Sky
C'

è un dolore tangibile a Genova: là, dove sorgeva il Ponte Morandi, oggi c'è un cantiere aperto, che sta gettando le basi di quello che sarà il prossimo viadotto sul Polcevera. Il simbolo concreto di una città che vuole rinascere, che si prende per mano sia nel ricordo della tragedia che nell'operosa costruzione della speranza. Un impegno continuo che non cancella le immagini di quelle macerie, monolitica memoria di una ferita che forse mai riuscirà a rimarginarsi: perché assieme a quel Ponte si spezzarono quarantatre vite e, per quanto tempo possa passare e per quanto si possa fare, quel dolore e quel senso di ingiustizia non svaniranno mai del tutto. A Genova è un giorno di raccoglimento: la Lanterna svetta su una città che si commuove e si abbraccia ma che tiene la testa alta, consapevole che sarà la forza dell'unità a ricostruirne la vita. Oggi si ricorda a Genova, lì dove sorgeva il Ponte, alla presenza delle più alte cariche dello Stato e, soprattutto, dei parenti di chi scomparve in quella tragedia, di chi ha perso la sua casa o la propria attività lavorativa, sepolta dai resti del viadotto: è da loro e per loro che tutto rinasce, dalla forza e dall'impegno che hanno mostrato e che, da parte di tutti, a loro è dovuto.


Dolore e coraggio

Nessuno ha dimenticato. Perché un anno è troppo poco per assorbre un disastro così grande e perché non c'è un lasso di tempo sufficiente per lenire una ferita così profonda. Lo sanno i familiari delle vittime, che ogni giorno lo provano sulla loro pelle e che hanno chiesto ai vertici di Autostrade, presenti alla celebrazione, di uscire dalla sala, ma ne sono consapevoli anche i rappresentanti delle istituzioni che, oggi, hanno presenziato alle commemorazioni. Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha abbracciato commosso i parenti delle 43 persone scomparse e ne ascolta la voce attraverso le parole di Egle Possetti, presidente del Comitato nato dopo la tragedia, nelle quali si percepisce sofferenza ma anche coraggio: "Non possiamo buttare a mare la nostra forza. Dobbiamo avere coraggio e necessità di ritrovarla. Vogliamo giustizia. Se manca giustizia, uno Stato democratico non ha senso. Abbiamo perso un pezzo del nostro cuore, che non ci potrà più essere restituito... La loro è stata una morte assurda che non possiamo rassegnarci ad accettare. Stiamo sopravvivendo da un anno e vorremmo tornare a vivere ma è come una montagna da scalare. Non possiamo più pensare di abbracciarli e vedere il loro sorriso. Quanto accaduto è inaccettabile. Per la loro memoria dobbiamo accertare la verità". Un messaggio per ricordare che l'impegno istituzionale deve essere continuo, con tangibili segnali di vicinanza e dedizione.


Fare di più

La Genvoa che si sveglia all'alba del 14 agosto sembra avere la piena consapevolezza di come la tragedia di un anno fa abbia segnato un punto di cambiamento. C'è bisogno di risposte concrete non solo per restituire dignità alla città attraverso la realizzazione di un nuovo ponte, ma anche a quanti stanno affrontando le difficili sfide della giustizia e le incertezze dell'aver perso ogni cosa. Lo ricorda il premier Giuseppe Conte, nel suo discorso alla cittadinanza: "La presenza dello Stato a Genova testimonia la partecipe affezione di una nazione intera al dolore di chi ha perso i propri cari e allo smarrimento di chi ha perso casa e lavoro... La ricostruzione è cominciata, il cantiere è attivo sette giorni su sette e ringrazio tutti coloro che si stanno impegnando. Il nuovo ponte dovrebbe essere percorribile ad aprile del prossimo anno. Dobbiamo lavorare ancora anche per voi, familiari delle vittime: stiamo lavorando per vedere come tecnicamente erogare degli anticipi per affrontare delle sfide di giudizio per chi dovrà affrontarle. Sono iniziative che non ci fanno appagare, per questo continueremo a chiedere giustizia". L'impegno comune resta la priorità, così come la necessità di fare di più per i parenti delle vittime, e lo ha ricordato anche il sindaco e commissario per la ricostruzione, Marco Bucci: "Mi sono reso conto che per quanto riguarda i parenti delle vittime si poteva fare di più. Tutta la città ha lavorato duro: devo ringraziare Genova per aver dato un segnale molto forte all'Italia, all'Europa e al mondo. Abbiamo dimostrato cosa significa lavorare uno vicino all'altro per obiettivi comuni, sapendo che il bene della città è il bene di tutti. Questo è il messaggio più importante. La città ci chiede di continuare questo percorso. Ora siamo vicini al ponte che si sta ricostruendo, un passo per essere la prima città del Mediterraneo. Genova ci chiede di lavorare e noi lo faremo". Alle 11.36 i discorsi sono conclusi. A suonare sono le campane, con il loro duplice messaggio di memoria e di speranza.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
ArcelorMittal
IL CASO

Ex Ilva, Conte boccia il piano Mittal

Il premier respinge il programma anti-esuberi presentato dal gruppo franco-indiano
L'esterno della villetta dov'è avvenuto l'incidente
VALSAMOGGIA

Sente rumori in casa, spara e uccide un uomo

Il tentativo di effrazione all'alba in una villa di campagna a Bazzano. Cinque i colpi esplosi dal custode
Un'auto della polizia
LOTTA ALL'ILLEGALITÀ

Appalti truccati e corruzione, 10 arresti a Roma

L'inchiesta sull'aggiudicazione di appalti sulla gestione e ristrutturazione del fondo di previdenza del Ministero...
L'intervento degli artificieri
ROMA

Pacco bomba destinato al Viminale: poteva esplodere

Firmato dai "Nemici dello Stato", conteneva inneggiamenti al ritorno di Salvini al Ministero degli Interni
IL PUNTO

Il Governo, fra tensioni e provocazioni

In Italia la maggioranza resta tesa, mentre il Centro-destra è scettico sul futuro dell'esecutivo
FRONTIERE DELL'INNOVAZIONE

Come l'Intelligenza artificiale incide sulla cybersicurezza

Martedì a Roma la conferenza del direttore dell'Agenzia spaziale di Israele Isaac Ben Israel sulle prospettive di un...
Alluvioni in Italia
CLIMATE RISK INDEX 2019

In Italia 20mila morti per "eventi meteorologici estremi"

Siamo al sesto posto nel mondo per numero di vittime e diciottesimi per le perdite economiche
Sciopero generale in Francia
FRANCIA

Al via il "giovedì nero" contro la riforma delle pensioni

Scioperi in tutto il Paese. A Parigi schierati 4.000 agenti, attesi un migliaio di black block e gilet gialli
I soccorsi
HAWAII | USA

Spari a Pearl Harbor, due morti

Un militare della marina americana apre il fuoco contro dei civili, 2 vittime e un ferito, poi si suicida

Retribuzioni al palo

I lavoratori italiani percepiscono i salari più bassi tra i paesi OCSE: i paesi più industrializzati...

La terra, metafora dell'uomo

"Laudato si", Signore mio  per papa Francesco, il suo carattere, la sua fede, la sua...
Il presidente dell'Eurogruppo, Mario Centeno
FONDO SALVA STATI

Bruxelles: riforma Mes, tutto deciso

Il presidente dell'Eurogruppo chiude a ogni modifica: accordo politico già raggiunto