SABATO 09 NOVEMBRE 2019, 002:56, IN TERRIS

CASO ARCELORMITTAL

Ex Ilva, Conte a Taranto: "Qui c'è rabbia"

Il premier incontra gli operai: "Non è questione di scudo penale ma di avere un progetto"

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Giuseppe Conte a Taranto - Foto © Cisl
Giuseppe Conte a Taranto - Foto © Cisl
"N

on è una questione di scudo o non scudo penale, ma di avere un progetto per questo stabilimento, per questa città, per questa comunità". E' una serata decisamente movimentata quella del premier Giuseppe Conte a Taranto, dove si è recato per incontrare gli operai in sciopero dell'ex Ilva, ancora alle prese con il caos lasciato dal recessione contrattuale di ArcelorMittal. Un faccia a faccia andato avanti per diverso tempo, proprio davanti alla portineria D dello stabilimento tarantino, mentre all'esterno premeva la folla di coloro che agli impianti dell'acciaieria sono contrari e che invocano la chiusura del sito per riconvertire la forza lavoro nelle opere di bonifiche. Conte (che si intrattiene anche coi dimostranti) fa il punto della situazione dopo i colloqui di due giorni fa con la società interessata e tiene a ribadire che, come detto "a Genova per la ricostruzione del ponte Morandi, da questa tragedia può ripartire il rilancio di un'intera comunità".


L'incontro

Un clima non sempre tranquillo ha accompagnato l'incontro fra premier e operai, fortemente provati dalla situazione dell'ex Ilva, prodighi di istanze da presentare al presidente del Consiglio ma anche in cerca di risposte: "Voi - ha detto Conte - qui siete dilaniati dal fatto di dover lavorare in queste condizioni e litigate con i tecnici ogni giorno e poi tornate in famiglia e litigate con parenti che vogliono la chiusura. E voi dite che avete bisogno di lavorare. Avete diritto al lavoro e alla salute, garantiti dalla Costituzione. Qui c'è una frattura drammatica alimentata nel corso degli anni". E ancora: "Non faccio polemiche, non faccio nomi di chi mi ha preceduto, è tutto un sistema che non ha funzionato. Non c'è stata sensibilità, oggi è impensabile che una impresa di queste dimensioni possa mantenersi e competere a livello globale e a livelli produttivi accettabili senza essere accettata dalla comunità in cui opera". Ai lavoratori, Conte ha ribadito che il dossier Ilva resta comunque una priorità: "Io non sono un venditore di fumo, un superuomo, un fenomeno. Non c'è una persona, un governo che può risolvere da solo tutto, c'è il sistema Italia, qui si apre un gabinetto di crisi per offrire una opportunità a questa comunità ferita una opportunità di riscatto".


Rabbia

L'incontro si chiude con la promessa del premier di tornare presto a Taranto: "Questa è una comunità ferita e non è da oggi che siamo in emergenza - ha detto ai giornalisti a margine della riunione -. Nel corso di decenni qui si è creata una frattura tra diritto al lavoro e diritto alla salute. Il problema non è ricostruire le colpe, non è escludere l'acciaio o pensare ad altra produzione, qualsiasi investimento deve dare un risvolto socialmente responsabile e sostenibile da tutti i punti di vista. Qui c'è delusione, angoscia, paura. Ma ora c'è rabbia: l'ho vista in faccia alla gente esasperata".

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Area archeologica del Tempio di Apollo Aleo, a Crotone
CROTONE

Maxi retata contro i "tombaroli": 23 arresti e 80 indagati

Recuperati numerosi reperti archeologici per un valore di diversi milioni di euro
Forma di Parmigiano Reggiano
DAZI USA

Vendite in calo del 20% per il Made in Italy

Lo denuncia Coldiretti: "E' sempre più urgente l’attivazione di aiuti compensativi"
Dissesto idrogeologico
EMERGENZA MALTEMPO

Dissesto idrogeologico, giovedì in Consiglio dei ministri

132 frane, 125 alluvioni, sei erosioni costiere nel piano governativo di difesa del territorio
Cristiano Ronaldo
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

Ronaldo non si ferma: a un passo da quota 100

Con la rete al Lussemburgo il portoghese tocca 99 gol in nazionale. Il record assoluto di Ali Daei (109) è nel mirino
Gli stabilimenti ex Ilva
EX ILVA

ArcelorMittal, ultimatum delle aziende dell'indotto

Gli autotrasportatori mordono il freno e chiedono il saldo delle fatture. Boccia: "Senza scudo penale non si firma...
Emergenze a Venezia, Roma e Firenze
MALTEMPO

Da Venezia a Roma: piene, pioggia e vento sull'Italia

Acqua alta a 150 cm nella Serenissima, ora in discesa. A Firenze rischio piena dell'Arno, disagi a Roma e in Alto Adige

La luce di Carlotta

Mi ha colpito molto la descrizione della chiamata di Levi, della chiamata di Zaccheo, fatta da padre Marko...
Militari cinesi a Hong Kong
ASIA

Hong Kong, Pechino schiera i militari

I soldati cinesi hanno aiutato a ripulire le strade della città dai rifiuti lasciati al termine delle proteste
Sabato e domenica forti piogge
METEOROLOGIA

Allerta rossa in 3 Regioni: domani pioggia e freddo

La Protezione Civile ha diramato l'allerta arancione in altre 8 Regioni e quella gialla sulle restanti
I soccorsi
MILANO

Maxi rissa davanti al McDonald: 30 ragazzi coinvolti

Fermati tre giovani di nazionalità tunisina: un 18enne e due minorenni
MALTEMPO

Non c'è pace per Venezia, nuova allerta per domani

In arrivo 20 milioni di euro per il primo ristoro dei danni
Un momento dell'udienza alla Comunità dell'Ospedale Bambino Gesù - ©Vatican Media
VATICANO

"Il Bambin Gesù continui ad essere una straordinaria opera di carità della Chiesa"

Per i 150 anni della fondazione, il Pontefice ha ricevuto in udienza la comunità dell'Ospedale Pediatrico Bambino...