MARTEDÌ 27 MARZO 2018, 16:21, IN TERRIS


ITALIA 2018

Camera e Senato: ecco i nomi dei capigruppo

Consultazioni in "rosa" per Forza Italia. Grillo-Toninelli (M5S), acclamazione per Delrio-Marcucci (Pd). Conferme Lega

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Bernini, Delrio, Toninelli, Fornaro
Bernini, Delrio, Toninelli, Fornaro
C

on la nomina odierna dei capigruppo di Camera e Senato si vanno delineando le strategie e i destini delle forze politiche in Parlamento. In Forza Italia il colore che domina è il rosa. Anna Maria Bernini, dopo esser stata proposta sabato scorso dalla Lega come presidente del Senato, è la nuova presidente dei senatori forzisti, mentre Mariastella Gelmini è stata eletta capogruppo alla Camera. Entrambe elette all'unanimità.

Pareri unanimi anche nel M5S, dove sono stati eletti Giulia Grillo capogruppo alla Camera e Danilo Toninelli al Senato. "Abbiamo ratificato il comitato direttivo, siamo ora organizzati per realizzare il programma per cui siamo stati votati da 11 milioni di italiani”, ha affermato il capogruppo M5S al Senato Danilo Toninelli al termine dell’assemblea. Complimenti alla coppia Grillo-Toninelli sono giunti dal capo politico pentastellato Luigi Di Maio "per il grande lavoro fatto nella conferenza dei capigruppo".

Nel Partito Democratico Graziano Delrio è stato eletto alla Camera per acclamazione dall'assemblea del gruppo. Andrea Marcucci è invece il nuovo presidente dei senatori dem. "Vogliamo provare tutti insieme a dare un segnale di squadra e l'unità è il presupposto per costruire il rilancio del Pd. Per questo le due proposte che vi presento per i capigruppo sono fatte con questo spirito", ha detto il reggente Pd Maurizio Martina presentando le sue proposte all'assemblea del gruppo alla Camera.

La Lega non offre sorprese: Gianmarco Centinaio capogruppo al Senato e Giancarlo Giorgetti alla Camera. Federico Fornaro di Leu è  stato invece eletto presidente del Gruppo Misto alla Camera. In Fratelli d'Italia nomina di capogruppo "pro tempore" alla Camera per Fabio Rampelli, che manterrà il ruolo fin quando non sarà completato il mosaico dell'ufficio di presidenza di Montecitorio. Al Senato nominato invece Stefano Bertacco, veronese ex Forza Italia.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
COMMENTO | ENRICO PAOLI

Capigruppo scelti pensando al governo

COMMENTO ENRICO PAOLI Facebook Twitter

Potrà sembrare un rito stanco e antico ma nella liturgia della politica, e la nuova era appena iniziata non sembra volersi affrancare da quelle regole codificate dal tempo più che dalla consuetudine, la scelta dei capigruppo di Camera e Senato serve a tracciare la rotta che seguiranno i partiti. Come nostromi su una nave a vela, i leader delineano traiettorie e percorsi destinati a segnare l’andamento della legislatura. Del resto, una volta passate le elezioni, spente le luci dei commenti a gettone, ciò che conta veramente sono i numeri, perché è solo con quelli che si governa. E se Lega e Movimento 5 Stelle, nell’immaginario collettivo, rappresentato la novità, la variabile che sposta la pallina nel flipper, il loro effetto dirompente finisce nel momento in cui  le regole del gioco tornano a determinare la scena. Fuor di metafora, Carroccio e pentastellati, nella scelta dei capigruppo non hanno recitato a soggetto, ma hanno seguito un copione scritto da tempo, imparato a memoria dagli attori mandati in scena, in modo da rassicurare l’establishment e gli elettori. Diamo loro quello che si aspettano, in fondo la vera partita riguarda la formazione del governo.

In parte anche Forza Italia ha seguito una traiettoria lineare, rinunciando a percorsi arditi, mentre il Pd ha giocato di sponda non volendo restare marginale. La scelta di Del Rio, meno sbarazzina e più istituzionale, serve a dare al Nazareno un punto di riferimento pragmatico in Aula, soprattutto nel momento in cui ci saranno da prendere decisioni di peso. Il partito di Berlusconi, invece, muovendo le Regine, prova a dare scacco al Re. E' chiaro a tutti, ormai, che Lega e Cinque Stelle, con una sorta di patto non scritto e non detto, si stanno annusando, fiutando, nella convinzione che questo è il loro momento. Ora, adesso, non domani. E quindi per uscire dal tornante dell’opportunità per imboccare quello della storia che porta alla bandiera a scacchi hanno bisogno di neutralizzare Berlusconi, di metterlo nella condizione di non dettare le condizioni, ma di subirle. L’indicazione della Bernini e della Gelmini, due donne forti nel partito e fortissime sul territorio dove comandano truppe cammellate pronte a muoversi a seconda del bisogno, serve a spostare in avanti l’orologio della storia. Forza Italia, restando ancora a Brunetta e Romani, sarebbe stata inevitabilmente votata a guardare il passato, non ad osservare il presente. In questo almeno, l’ex premier, nonostante il rischio fronda degli scontenti, ha avuto fiuto. Ma fuori dalla scacchiera dei nomi, dove le pedine sono state mosse con una certa astuzia, tanto il Pd quanto Forza Italia devono trovare il coraggio di mettersi davanti allo specchio per fare i conti con i propri errori. Che non sono pochi.

Che il Cavaliere abbia sbagliato la campagna elettorale è un fatto acclarato, così come che il Pd soffra ancora dell’effetto Renzi. Ma se entrambe le formazioni non molleranno in fretta la zavorra, rischiano di essere superate dalle forze emergenti. L’opa lanciata da Salvini sul partito degli azzurri è tanto forte quanto inevitabile, e solo Berlusconi rappresenta un argine. Stabilire sino a quando la diga potrà reggere non è facile. E non per il dato anagrafico quanto per l’oggettivo quadro politico che si va delineando. Se Salvini chiuderà con Di Maio la partita del governo, significa  che per i prossimi due anni, almeno, avremo un governo di programma che metterà alle corde gli alleati e gli avversari. Berlusconi sarà in grado di trattenere i suoi? E Renzi avrà la forza di tenere in ostaggio il partito? Le nomine dei capigruppo, se lette in filigrana, disegnano una strana verità: nulla è come appare. In pratica, ciò che si vede in scena, non corrisponde a ciò che sta avvenendo nel retropalco, figuriamoci nei retrobottega delle ditte. E non è detto che sia un male. In fondo, il biglietto pagato era a metà prezzo. Per quello intero dovremo aspettare il prossimo giro.

NEWS
Un robot in esposizione alla fiera di Roma - Foto © Maker Faire Rome
NUOVE FRONTIERE

Idee per le aziende 4.0

In fiera a Roma l'innovazione tecnologica che cambia l’economia
Migranti al porto
MIGRANTI

In Ottobre sbarcate in Italia 762 persone

Viminale: da inizio anno sono 8.395 i migranti giunti sulle nostre coste
Bimbo davanti al pc
FIRENZE

Un "patentino digitale" contro i pericoli del web

Pensato per gli studenti delle scuole secondarie di primo grado e i loro familiari
Carabinieri
CAMPANIA

Camorra: 23 arresti ad Avellino

Smantellato il clan Partenio, l'operazione ha visto impegnati 250 militari dell'Arma
Bambino indigeno
SINODO AMAZZONIA

Focsiv, incontro a Roma con i leader dei popoli indigeni

"Difendere l’Amazzonia è difendere il diritto allo sviluppo umano integrale"

A quando l'Europa leader mondiale!

Dopo gli attacchi sferrati in questi ultimi anni contro la Unione Europea da parte degli euroscettici quando non da...
Le scarpe rosse, simbolo della protesta contro i maltrattamenti sulle donne
VIOLENZA SULLE DONNE

Lei lo vuole lasciare, lui la picchia a sangue

Massacra di botte la compagna, arrestato un moldavo nel Ferrarese. Boom di casi sommersi
Hevrin Khalaf, l'attivista siriana uccisa in un agguato nel nord-est della Siria
VICINO ORIENTE

Siria, uccisa l'attivista Khalaf

Morto anche un giornalista non lontano dal fronte. Si teme un ritorno dell'Isis
Un momento delle proteste degli ultimi giorni per le strade di Quito - Foto © AFP
AMERICA LATINA

Ecuador, i giorni degli scontri

Clima di guerra nelle strade di Quito. Si cerca la via del dialogo fra il presidente Moreno e i leader indigeni
Il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte - Foto © AFP
POLITICA

Zanda (Pd): "Il premier chiarisca sul Russiagate"

In attesa della sua audizione al Copasir, nella maggioranza si chiede a Giuseppe Conte di "rassicurare l'opinione...
Foto di repertorio - Foto © Corriere Etneo
LA TRAGEDIA

Incidente stradale, morti quattro giovani

L'auto si schianta contro un guardrail nel Catanese. Il gruppo ritornava da una serata in discoteca
EMERGENZE DIMENTICATE

Senza sicurezza lavorare uccide

Nella 69° Giornata per le vittime del lavoro, manifestazioni e convegni per fermare la “strage silenziosa”