SABATO 16 FEBBRAIO 2019, 18:05, IN TERRIS


CASO DICIOTTI

Alla Procura gli atti della Giunta del Senato

I pm di Catania starebbero valutando l'iscrizione nel registro degli indagati anche di Conte, Di Maio e Toninelli

REDAZIONE
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
La nave Diciotti
La nave Diciotti
S

ono stati trasmessi alla Procura di Catania gli atti sul caso Diciotti a firma del premier Giuseppe Conte e dei ministri Di Maio e Toninelli, allegati alla memoria già consegnata dal vicepremier Salvini e al momento al vaglio della Giunta per le immunità del Senato. A rivelare l'arrivo dei plichi è stata la stessa Procura, coordinatrice dell'inchiesta affidata al pm Carmelo Zuccaro dal quale, al momento, non sono tuttavia arrivate dichiarazioni al riguardo. Il che, di fatto, rende del tutto ipotetiche le vie che potrebbero ora aprirsi nel prosieguo dell'inchiesta sull'atteggiamento del Viminale nei confronti dei migranti che, l'estate scorsa, hanno atteso diversi giorni nel porto di Catania sulla nave della Guardia Costiera per poter sbarcare sul territorio italiano. Tra le ipotesi, quella (possibile) dell'apertura di un fascicolo, evenetualità che comunque non preoccupa il ministro dell'Interno: "Voto in giunta e processo? Sono tranquillissimo, gli Italiani sanno che ho agito per il loro bene e la loro sicurezza". La Procura starebbe valutando l'iscrizione nel registro degli indagati anche del premier e degli altri due ministri in questione il che, a quanto pare, sarebbe una prassi automatica in questo contesto.


Centinaio: "Non temiamo il voto online"

La situazione al momento è tutta in divenire: nelle scorse settimane, il procuratore Zuccaro aveva avanzato la richiesta di archiviazione nei confronti del ministro Salvini, ponendo come spiegazione che "il ritardo nello sbarco dei migranti" dalla nave era "giustificato dalla scelta politica, non sindacabile dal giudice penale". Questione obiettata dal Tribunale per i ministri, dal quale era comunque arrivata la richiesta di autorizzazione a procedere nei confronti del vicepremier e titolare del Viminale. Dalla Lega, al momento, traspare tranquillità: "Non temiamo il voto online del M5s sul caso Diciotti - ha detto il ministro dell'Agricoltura Gianmarco Centinaio - e la piattaforma Rousseau non mette a rischio il governo che è stabile e sta lavorando bene. Son cose assolutamente diverse e aspettiamo il voto in Parlamento".

Proprio sulla questione del voto su Rousseau si è espresso il leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, parlando da Cagliari: "Begli alleati si è trovato Salvini, si rifletta su questo...".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sassuolo-Roma 0-0. Under inseguito da Rogerio
SERIE A

Sassuolo-Roma a reti bianche: vince la contestazione

Tifosi giallorossi contro la società dopo il caso De Rossi. In coda pari Cagliari-Genoa, vince l'Udinese
Passeggeri su un convoglio Trenord
MILANO

Maxi rissa in treno: 4 feriti

Tre gambiani e un senegalese sono finiti in ospedale
I soccorsi

Torino: anziano aggredisce donna incinta

L'uomo si è scagliato anche contro i carabinieri che lo stavano arrestando
Il camper della famiglia dopo il rogo
CONFESSIONE CHOC

Cagliari, la madre di Esperanza: "L'ho soffocata io"

Della bimba di 20 mesi si erano perse le tracce il 23 dicembre scorso
La Luna
SPAZIO

La Nasa presenta Artemis

La sorella gemella di Apollo si prepara per riportare gli astronauti sulla Luna
LAVORO

L'impegno di Assisi per contrastare la disoccupazione

Ecco i percorsi messi in campo dalla diocesi