La vita dopo la droga

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Oggi 120 ragazzi provenienti dai cinque continenti riceveranno il Riconoscimento a Rimini alla Parrocchia della Resurrezione, cioè rinasceranno a vita nuova, scopriranno di essere un dono, una risorsa per la società, scegliendo di mettere i propri talenti a disposizione degli altri, soprattutto dei più poveri. Nella celebrazione Eucaristica con il cardinale Menichelli arcivescovo di Ancona hanno detto il loro sì alla vita piena, loro che avevano provocato danni. Una festa voluta proprio da don Oreste Benzi.

Molti incidenti stradali con centinaia di morti all’anno avvengono a causa di persone che guidano alterati dall’abuso di sostanze alcooliche o droghe. I giovani si sballano fin dalla più tenera età, dai dodici anni in avanti, passando le serate a bere o spinellarsi, gettando in fumo gli anni più belli. Ma questi stessi ragazzi e ragazze se viene presentata loro una proposta di divertimento intelligente, creativo, anche oblativo sono i primi a buttarsi, a coinvolgersi direttamente.

Estremamente fragili, ma desiderosi di fare un incontro simpatico con la vita, non si rassegnano a relazioni fittizie, di facciata, in cui si fa buon gioco a cattiva sorte. Allora il problema è educativo, cioè di una vita, che nei genitori, educatori, insegnanti, deve sapere di verità, di congruenza tra ciò che si dice e ciò che si vive.

La vita è dono, ricevuto da un Altro, non è mai possesso. E’ responsabilità conquistata con sacrificio fin dai primi anni dove nella famiglia, nella scuola, nel gruppo dei pari le relazioni si conquistano, non si pretendono.

La via della sobrietà è apertura al grazie; ai nostri giovani non bisogna dare tutto ma il giusto perché possano mettere a frutto le proprie capacità e potenzialità. Ma è anche via di giustizia che fa percepire come tre quarti dell’umanità non ha di che vivere mentre di qua si è satolli, pieni di scarti.

La droga è il malessere di una società malata che manda messaggi contradditori, ci si batte perché giustamente ci sia la scuola, il lavoro, la salute, la pensione, la libertà ma poi dall’altra si attrezzano gli ospedali perché migliaia di concepiti siano massacrati nel seno materno, si mantengono privilegi di redditi o pensioni d’oro mentre altri non hanno di che mantenere la propria famiglia, si comprano i cacciabombardieri per difendersi? Quando si sa che la guerra è l’abominio dell’umanità che non ha mai portato a nulla di buono. Si accompagna alla dolce morte e si dà come in alcuni Paesi europei la droga a mantenimento.

Ma la malattia di una società non sempre è per la morte, anzi proprio i giovani chiedono di cambiare rotta esigendo prepotentemente il ritorno a Dio, l’amante della vita e lo vogliono incontrare nella Comunità, nella Chiesa.

Gesù Cristo quel bimbo che è nato a Betlemme è veramente risorto, i cristiani devono essere nel mondo come il lievito nella pasta perché si ritorni alla speranza e le nuove generazioni abbiano la possibilità di spendere la vita nel bene, nel bello, nel giusto, nel vero.
Diamo ai giovani il nostro cuore, allora ritorneranno a vivere. Diceva don Benzi “ la salvezza non è qualcosa ma Qualcuno”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.