MARTEDÌ 21 NOVEMBRE 2017, 00:02, IN TERRIS

La vera "dolce morte"

MASSIMO GANDOLFINI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
fine vita
fine vita
S

e vogliamo mantenere ben saldo il principio che le parole hanno un senso, il tentativo di interpretare il recente discorso del Santo Padre, in occasione del Meeting Regionale Europeo della W.M.A., a favore di un’apertura a derive eutanasiche è un classico esempio di strumentalizzazione faziosa.

Volendo ricercare una sintesi, il concetto centrale dell’intervento, può essere trovato in questa frase: “.. possiamo e dobbiamo sempre prenderci cura: senza abbreviare noi stessi la vita, ma anche senza accanirci inutilmente contro la sua morte. In questa linea si muove la medicina palliativa”. Una riga o poco più in cui è affrontato e risolto nelle linee essenziali l’intero dilemma bioetico del cosiddetto “fine vita”. Accanimento terapeutico ed eutanasia sono due facce di una stessa medaglia, che va rigettata come moneta falsa in quanto manipolazione della dignità della vita umana.

Relazione di cura, medico e paziente, e medicina palliativa le direttrici di un comportamento umano, solidale, virtuoso, onesto che coniuga l’incontro di due esigenze: il bisogno di cura proprio del malato e l’offerta di competenza professionale ed umana in capo al medico. Si tratta di intraprendere la via del rispetto di due coscienze e delle scelte che ne derivano: la coscienza di chi chiede di decidere liberamente le cure cui sottoporsi o meno, e la coscienza del medico il cui “dovere deontologico” è e rimane “la tutela della vita, della salute fisica e psichica dell’Uomo, il trattamento del dolore ed il sollievo della sofferenza” (art.3 Codice Deontologia Medica).

Nel suo discorso il Papa non nasconde che si tratta di un percorso tutt’altro che facile, dato che all’enunciazione abbastanza semplice del principio si accompagna una elencazione quasi infinita di singoli casi, che andranno affrontati specificamente, dato che “i fattori che entrano in gioco sono spesso difficili da valutare”. Questa è la ragione per la quale ci viene indicata una sorta di via maestra da non dimenticare mai: la “prossimità responsabile”, con “l’imperativo categorico di non abbandonare mai il malato”, ed un riferimento evangelico ben preciso nella figura del Samaritano.

Or dunque, analizzando con onestà le parole del Santo Padre è impossibile trovare sia una discontinuità con il magistero dei suoi predecessori, sia un’apertura alle istanze eutanasiche. Il fatto poi che il mondo cosiddetto laico abbia esultato al “nuovo corso” non è che una dimostrazione in più di quanto pregiudizio ideologico vi sia sui temi delicati della vita, all’inizio, nel suo scorrere ed alla fine.

Certamente va accolto l’appello al clima di “reciproco ascolto e accoglienza”, non nascondendoci che mentre è scontato ormai da anni (per la precisione dal 1993) che il consenso informato al trattamento sanitario è prassi medica doverosa, che ha le sue radici nello stesso articolo 32 della Costituzione (quanti di noi abbiamo firmato o rifiutato trattamenti proposti!), è assai meno scontato che una disposizione anticipata di trattamento – scritta “ora per allora”, cioè anni prima e necessariamente generica e non attuale – corrisponda veramente alla volontà del malato quando la patologia è in atto.

Non se ne esce, o meglio c’è una sola via d’uscita che rispetti veramente tutte le istanze in gioco - vita, dignità e libertà del malato, professionalità e coscienza del medico -che il Codice deontologico sintetizza senza equivoci in tre righe: “Il medico tiene conto delle dichiarazioni anticipate in forma scritta… verifica la loro congruenza logica e clinica con la condizione in atto ed ispira la propria condotta al rispetto della dignità e della qualità di vita del paziente” (art.38).

Mi permetto una chiosa finale. Noi medici dovremmo eleggere Santa Teresa di Calcutta nostra patrona morale: ha curato migliaia e migliaia di malati, non si è accanita verso alcuno e non ha mai invocato eutanasia, garantendo a tutti la vera “dolce morte naturale”, attesa insieme fino all’ultimo respiro.

Massimo Gandolfini - Neurochirurgo e Psichiatra

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento


Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Un bus Atac a Roma
VIA BOCCEA

Baby gang aggredisce autista dell'Atac

Il gruppetto di giovani aveva azionato la leva di emergenza, denunciato un 17enne
Falso
MARCHI TAROCCATI

GdF: falso "Made in Italy", 66 denunce

L'allarme Coldiretti: "58% delle frodi a tavola, la concorrenza sleale fa crollare i prezzi"
Friday for Future

Custodire la nostra casa Terra

E'stato programmato il primo sciopero globale della storia con circa 150 paesi della Terra, per la tutela del clima...
Il capo politico del Movimento 5 Stelle Luigi Di Maio
ELEZIONI

Regionali Umbria, Rousseau dice sì al patto civico

La base grillina ha espresso la sua preferenza con il 60% di voti favorevoli
Un pompiere
TREZZANO SUL NAVIGLIO (MILANO)

Incendio in un capannone, due feriti gravi

Ustionati tre operai, due in codice rosso. Sono i dipendenti di una ditta che lavora cannabis legale
Uno degli atolli di Kiribati
OCEANIA

Kiribati, la battaglia per il clima dell'arcipelago che affonda

I giovani gilbertesi al fianco di Greta contro il riscaldamento globale che rischia di accelerare la scomparsa della loro terra
La cantante Emma Marrone al Festival di Sanremo 2013
CANTANTI

Emma Marrone si ferma: "Devo affrontare un problema di salute"

La vicinanza dei colleghi, da Pausini a Nek: "Forza, siamo tutti con te"
FEDE E GIOVANI

Arriva YouCat, il catechismo dei Millennial

Un linguaggio semplice per spiegare la dottrina della Chiesa
I disordini a Torino del 9 febbraio - Foto La Stampa
TORINO

Operazione della Digos contro anarchici: due arresti e 37 indagati

I divieti di dimora sono undici, anche cittadini stranieri. La sera della protesta fermate già undici persone
Staff dell'Oim in Libia - Foto © Organizzazione mondiale per le migrazioni
IMMIGRAZIONE

Libia: migrante in fuga ucciso con un colpo di arma da fuoco

L'uomo, di origini sudanesi, faceva parte di un di persone riportate a terra dalla Guardica costiera Libica
Washington. Transenne nella zona di Columbia Heights
USA

Spari a Columbia Heights: paura a Washington

Ancora non chiara la dinamica, i colpi esplosi non lontano dalla Casa Bianca. Almeno un morto e sei feriti, due gravi
Manifesto con simboli politici

Vino nuovo in nuovi otri

In un mese e mezzo la politica italiana è stata fortemente modificata da eventi rapidissimi che hanno sortito...