I botti di fine anno della politica italiana

ULTIMO AGGIORNAMENTO 0:02

Il 2019 della politica, quello che doveva essere un anno bellissimo, si chiude con tanti punti interrogativi e senza nessuna vera incertezza. Come vuole la tradizione italiana del resto. Intanto, da parte del premier, non ci sarà nessun addio alla politica, al termine del secondo round a palazzo Chigi. Giuseppe Conte, pur tornando a negare l’intenzione di dar vita a un suo movimento politico, annuncia dalle pagine di “Repubblica” che il suo futuro sarà ancora nell’agone politico. “Dopo questo mio intenso coinvolgimento, non vedo un futuro senza politica”, spiega, precisando però che al momento “rimango concentrato sul presente, su come posso riformare il Paese e renderlo migliore senza pensare al mio futuro”. Detto questo, “non mi vedo novello Cincinnato che mi ritraggo e mi disinteresso alla politica. Ma la politica non è solo fondare un partito o fare il leader di partito o fare competizioni elettorali. Ci sono mille modi per partecipare alla vita politica e dare un contributo al proprio Paese”. Eppure l’uscita di Fioramonti dal governo prima e dal Movimento 5 stelle dopo, lascia intravedere sullo sfondo uno scenario particolare, che porta in dote al nuovo anno la nascita di un movimento a sostegno del premier. Dai grillini sarebbero pronti ad uscire almeno 15 parlamentari, determinati a seguire Fioramonti e Conte. Del resto se l’avvocato degli italiani non molla la politica, avrà bisogno delle sue truppe.

Non a caso le parole di Conte sono state duramente criticate dal leader leghista, secondo il quale, sarebbero solo “l’ennesima menzogna”. Del resto, osserva Matteo Salvini, “Conte non ha mai preso un voto in vita sua. Gli italiani lo aspettano alle elezioni, prima che faccia danni irreparabili”. Sì, perché per l’ex ministro dell'Interno, che confida di “studiare da premier”, l’attuale inquilino di palazzo Chigi “ha svenduto in due minuti onore personale e interesse nazionale pur di salvare la sua poltroncina. Più tasse, più sbarchi, più processi, più burocrazia, più ministri: mica male per l’ex avvocato del popolo”. Non è da meno Forza Italia che con Francesco Paolo Sisto definisce Conte “il solito parolaio”. Intanto, in attesa dell'annunciata verifica di governo, tutto il centrodestra si prepara ad attaccare il presidente del Consiglio al Senato. E' prevista, infatti, riferiscono fonti di centrodestra, la presenza di Conte al question time di palazzo Madama il prossimo 16 gennaio. In quell’occasione Lega, FI e FdI accuseranno il premier sulla vicenda “Russiagate” e sul cosiddetto “caso Alpa”.  Ci sarà da divertirsi. E mentre palazzo Chigi precisa che non è allo studio nessuna revisione delle misure Quota 100 e Reddito di cittadinanza, e proseguono le tensioni interne alla maggioranza sulle concessioni autostradali e sulla riforma della prescrizione, con Italia viva che si dice pronta a votare la proposta di legge dell'azzurro Enrico Costa, scoppia la polemica sulle risorse alle famiglie, alla luce dei dati Istat che delineano una famiglia italiana sempre più piccola, con le nascite al minimo storico.

E' Salvini a lanciare l'affondo: “Nascite al minimo storico e il governo taglia i fondi per le famiglie: incapaci e pericolosi”, afferma. Non ci sta la ministra delle Pari opportunità. Elena Bonetti, che replica a muso duro: “Salvini accusa tagli per le famiglie? Legga la legge di bilancio: più di 630 milioni aggiuntivi per politiche familiari, 2.5 miliardi per costruzione e riqualificazione asili nido e per il 2021 Fondo assegno universale da piu' di 1 miliardo l'anno. Fatti, non propaganda”. Si schiera al fianco della ministra il leader di Iv, Matteo Renzi: “Salvini sulla famiglia mente sapendo di mentire. Brava ministra Bonetti. E' bene replicare a chi dice bugie colpo su colpo”. Anche il capogruppo Pd alla Camera, Graziano Delrio, difende le misure adottate dal governo e rilancia le proposte dem: “In Italia nascono pochi bambini e bambine. Istat dice che è un'emergenza: siamo al minimo storico. Ecco perché le misure introdotte nella legge di bilancio sono il primo passo. Mettiamoci subito a lavoro per l'assegno unico per i figli a carico e la dote per i servizi”. Dalle opposizioni, Forza Italia con Annagrazia Calabria lancia l’allarme “desertificazione demografica”, le fa eco Licia Ronzulli che chiede di “invertire la rotta”. Ecco, dato il quadro generale, se il 2019 doveva essere un anno bellissimo il 2020 potrebbe essere addirittura strepitoso. Ma come sempre lo scopriremo solo vivendo…

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.