MARTEDÌ 14 GENNAIO 2020, 00:02, IN TERRIS

Germanicum e il ritorno del proporzionale

NICOLA GRAZIANI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
U

ltimo arrivato nella lunga lista dei progetti di riforma, riusciti e no, della legge elettorale, il cosiddetto Germanicum rappresenta la chiusura di un cerchio. Si iniziò quasi trent’anni fa per abolire il proporzionale con la preferenza multipla, e nacque la Seconda Repubblica. Ora si cerca di superarla e si torna al proporzionale. Salvo, come si dice, intese. Nel caso specifico: un conto è la presentazione di un progetto di legge, tutt'altra cosa la sua approvazione. Chissà se questo Parlamento diviso e rissoso ce la farà mai.

Il progetto prevede questo principio: hai tanti seggi quanti sono i tuoi consensi in rapporto al totale dei voti espressi. Ma per vederteli assegnati devi superare lo sbarramento del 5 percento. O hai almeno quella percentuale, o al massimo ti devi accontentare di una rappresentanza senza poteri decisionali. Hai dei parlamentari che stanno a guardare, in altre parole, mentre gli altri decidono. Una rappresentanza "di tribuna" che il modello tedesco, cui questa legge parrebbe ispirata, non ha: lì sei dentro o fuori. In fondo tra l’assistere senza fiatare e lo stare fuori la differenza non è così grande. Inoltre il modello tedesco prevede anche la possibilità di aumentare il numero dei parlamentari per adeguare il più possibile la rappresentanza del Bundestag ai voleri del corpo elettorale. Da noi sarebbe impossibile. Ultima caratteristica: non ci sono le preferenze, che nel sistema proporzionale puro in vigore in Italia fino al 1991 invece c’erano, ed erano plurime. Qua si assegnerebbero i seggi sulla base di liste bloccate presentate dai partiti, su scala nazionale.

Due considerazioni, a questo punto. La prima: sostengono i critici che tornerebbe l’instabilità. Facile la risposta: quella che abbiamo avuto negli ultimi trent'anni è stata una stabilità veramente poco stabile. E se quel sistema politico ci ha stancato, un motivo ci sarà. Diceva Aldo Moro che la politica è proprio il momento in cui si riflette insieme per trovare soluzioni condivise. Insomma, è la fatica di parlarsi. Agitare lo slogan "la sera delle elezioni dobbiamo sapere chi governa" vuol dire cercare una scappatoia dalle proprie responsabilità in direzione della cattiva politica. Seconda considerazione: il proporzionale – anche questo, che non è certo puro – ridà al cittadino la possibilità di votare nel nome di ciò che vuole, non della necessità di bloccare quello che si ritiene il male peggiore. Per troppe volte abbiamo votato l'uno per evitare l'altro, e l'offerta di politica è andata via via impoverendosi. Senza considerare che la rinascita di partiti a spiccata identità culturale aiuterebbe a riportare la gente a votare, e quindi ad identificarsi con le istituzioni democratiche. Anche se l'idea, strampalata, delle liste chiuse e del collegio unico nazionale impedirebbero un vero radicamento dei partiti sul territorio. Ma il percorso è solo all'inizio, e si può sempre migliorare.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Preghiera
EMERGENZA SANITARIA

Coronavirus, a Padova scuola di preghiera da casa su YouTube

Alla Basilica di Assisi si è pregato oggi per la fine dell'epidemia
Sala parto
NASCITE

Troppo bisturi in sala parto. All'Italia il record Ue

Negli ultimi 15 anni è raddoppiato il numero dei bambini nati con parto cesareo (1 su 5 nel mondo, 1 su 4 in Italia)
Papa Francesco a Bari - Foto © Vatican Media
CHIESA IN USCITA

Il Papa: "La guerra è il fallimento di ogni progetto umano e divino"

Il Santo Padre al convegno "Mediterraneo frontiera di pace": "Non ci sono vie alternative al dialogo"
Raccolta differenziata
LA GREEN ECONOMY DEI PICCOLI

"Noi bambini ricicliamo più degli adulti"

Letizia, 11 anni: "Ho chiesto ai miei genitori di parlarmi di Greta. E a casa faccio la raccolta differenziata"

Chi riduce il cristianesimo a una regoletta

"Vogliamo pregare anche per quelli che hanno colpito il mio papà perché, senza nulla togliere...

Chi ci perde se nasce un bambino in più?

Sul fronte della difesa della vita “dal concepimento alla morte naturale” le buone notizie sono una...
L'EPIDEMIA

Coronavirus, Conte: "Il decreto legge è per tutelare la salute degli italiani"

Nel provvedimento misure per il contenimento e la gestione dell'emergenza epidemiologica
ANNIVERSARIO

Ad Ancona due vie per il Papa che ha cambiato la storia

Nel capoluogo marchigiano saranno intitolate Largo San Giovanni Paolo II e Molo Wojtyla. Convegni e mostre nel centenario della...
L'EPIDEMIA

Mattarella: "Riconoscenza a quanti si impegnano per fronteggiare il coronavirus"

Un caso sospetto in Umbria. Conte: "Al lavoro senza sosta per reagire all'emergenza
L'EPIDEMIA

Le 10 regole per prevenire il contagio da coronavirus

I consigli del Ministero della Salute per cercare di contenere la diffusione del virus
PRECAUZIONI

La liturgia al tempo della pandemia

No alla stretta di mano per lo scambio della pace e all'ostia in bocca. Le diocesi di Piacenza e Vercelli adottano per le...
Sigarette
TOBACCO CONTROL SCALE 2019

Prevenzione del tabagismo: Italia 16esima in Ue

Primo il Regno Unito; all'ultimo posta la Germania e penultima la Svizzera
ECONOMIA

Coronavirus, il Fmi taglia il Pil mondiale

La direttrice Georgieva: "Guardiamo anche a scenari più preoccupanti"
I carabinieri alla ex fornace, Valle Aurelia, Roma
ROMA

Minorenni violenti: droga, risse e vandalismo, 19 denunce

Sono stati sorpresi all’interno della ex fornace Veschi a Valle Aurelia
TERREMOTO

Trema l'Emilia: scossa magnitudo 3.4 a Correggio

Al momento non si segnalano danni
EGITTO

Zaky, prolungata di 15 giorni la custodia cautelare

Sit-in all'Università della Calabria: "In lotta per Patrick"