DOMENICA 17 MARZO 2019, 00:02, IN TERRIS

La "squadra nella squadra" di Gesù

DON LUCA BRENNA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Trasfigurazione
Trasfigurazione
P

ietro disse a Gesù: "Maestro, è bello per noi essere qui!". Era bellissimo il viso di Gesù quel giorno, bello come mai l'avevano visto prima. Era bello anche il suo vestito, bianco come la neve. Ed era bella la compagnia, Pietro Giacomo e Giovanni, senza gli altri discepoli e senza tutta quella gente... malati, bambini, vecchi, insomma gli altri. Solo loro tre e Gesù, la "squadra nella squadra". Non era un mistero che Gesù avesse una particolare sintonia con loro tre. Tra loro non c'erano segreti, da loro si sentiva capito, conosciuto, consolato. Ed era così bello stare lì, che Pietro sentiva una gran voglia di fermare il tempo, di non farla finire mai quella bellezza, perché la bellezza chiede sempre eternità. Che cos'era quella bellezza? Che nome aveva? Non era una bellezza da effetti speciali. Era piuttosto una bellezza domestica, una bellezza tiepida. Pietro provava ciò che si prova quando si torna a casa e che non dipende dal fatto che la casa sia bella o brutta, ma che sia semplicemente casa. Dove ci si può lasciare andare, senza preoccuparsi più del vestito che si indossa e senza preoccuparsi di dove lo si lascia.

Ma la casa ha sempre dei muri che la delimitano. Separando lo spazio interno, quello dell'intimità, dallo spazio esterno, i muri isolano, proteggono, chiudono. Là fuori ci sono "gli altri", tutti gli altri, che casa non sono. Sono quelli davanti ai quali devo mettermi il vestito giusto e le scarpe adatte, con cui parlo stando attento a non dare troppa confidenza e che possono pensare questo o quest'altro. E devo stare anche attento a non farmi imbrogliare. Perché là fuori ci possono essere ladri, delinquenti, prepotenti. E poi ci sono le malattie contagiose. Ci sono le vie del centro dove non si può camminare, le auto pericolose anche se sei sulle strisce perché guidano guardando il cellulare, i ladri che rapinano le banche, i truffatori anche insospettabili e i mantenuti a scapito delle gente onesta. E i vecchi, i giovani, i ricchi, quelli che hanno sfondato, quelli che non ce la faranno mai. Quelli che devi stare attento. E' per questo che la casa ha i muri. Ed è per questo che Gesù non vuole che Pietro faccia una casa. Gesù ama le case, ma non ama i muri. Non li ama perché per lui il dentro è fuori. Perché il Padre suo fa piovere sia sui buoni sia sui cattivi, si preoccupa che ogni passero abbia da mangiare, veste di splendore anche i gigli del campo. Il Padre sta in pensiero per ogni pecorella smarrita, per ogni donna che ha perdite di sangue, per ogni cieco che giace sul ciglio della strada mentre la vita passa. Per questo Gesù ama entrare nelle case, ma ama ancora di più uscire dalle case e camminare per le strade, perché non ci sia nemmeno un uomo, nemmeno uno, che non lo possa chiamare fratello.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Andrea Camilleri
ROMA

Camilleri ricoverato in gravi condizioni

Lo scrittore è stato portato al Santo Spirito per un arresto cardiaco, i medici: "Condizioni critiche"
Konduga, il luogo dell'attentato
NIGERIA

Tre attentati suicidi di Boko Haram: decine di morti

Il gruppo fondamentalista ha colpito la città di Konduga, durante la proiezione di una partita
L'Hindu Raj
PAKISTAN

Alpinisti italiani travolti da una valanga

L'ambasciata: "Non ci sono vittime fra i nostri connazionali". Morto un pachistano
Francesco Totti in conferenza
ROMA

La verità di Totti: "Lascio ma non per colpa mia"

L'ex capitano spiega le sue ragioni: "Mai coinvolto in un progetto tecnico. Baldini? Uno dei due era di troppo"
La centrale di Arak
L€ATOMICA

Nucleare: l’accordo tra Usa e Iran non esiste più

Entro dieci giorni Teheran potrebbe produrre 300Kg di uranio
Franco Zeffirelli
CINEMA

Zeffirelli, Firenze rende omaggio al suo maestro

La camera ardente del regista allestita a Palazzo Vecchio