DOMENICA 05 MAGGIO 2019, 17:21, IN TERRIS


IN CAELIS

Riconoscere Gesù

La manifestazione di Cristo al termine della notte di pesca infruttuosa fu il segno della sua vittoria sulla morte

MONS. ANTONIO INTERGUGLIELMI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Raffigurazione della pesca degli apostoli
Raffigurazione della pesca degli apostoli
R

iconoscere Gesù. Saperlo vedere oggi vivo e presente nella nostra vita. Questa è la Grazia che ricevono in quella buia notte di pesca infruttuosa gli apostoli: questa esperienza a ognuno di noi può cambiare la vita, che qualche volta diviene deludente e buia, come quella notte di pesca. Il fatto che Gesù si fa presente alla fine della notte sul mare è un segno, un anticipo della Sua vittoria sulla morte. Il mare nella Sacra Scrittura sempre significa la morte.

Cristo si manifesta in una sofferenza, in una delusione: quando nel lavoro, nel matrimonio, nella salute ci troviamo con un evento che ci distrugge (potrebbero essere i tuoi figli, il carattere di tuo marito, una delusione sul lavoro…) noi tutti soccombiamo. Per quanto mettiamo tutto il nostro sforzo, la nostra buona volontà, anche il nostro amore, non riusciamo a passare oltre un limite. Ci sentiamo persi come gli apostoli, perché ci accorgiamo che non possiamo camminare sulla morte. Questo limite ci fa presente la morte. Riconoscere oggi Cristo, fidarsi di Lui, significa ricevere la vita Eterna dentro di noi, vincere le morti “quotidiane”.

Per fare questa esperienza occorre seguire Cristo, fidarsi della Sua Parola: “Gettare la rete dalla parte destra”, non è altro che fare qualcosa che non corrisponde al nostro senso di giustizia, alla ragione, neppure alle nostre qualità (gli apostoli erano pescatori esperti, di mestiere) o ai nostri sforzi e buoni propositi (hanno pescato tutta la notte), ma solo alla Parola di Cristo. Forse oggi Cristo ci chiede di perdonare, di non vendicarti, di non disperare, ma di confidare in Lui, perché ti aiuterà. Il Signore non ti lascerà nello sconforto, non lascerà senza risposta le nostre attese.E allora la nostra delusione diventerà esperienza di Risurrezione. Questa esperienza di Cristo ci dà oggi la caparra, lo Spirito Santo: riceviamo dentro di noi, la vita immortale.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
TAGS
ges apostoli
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Carcere di Acarigua, nella zona occidentale di Caraca
VENEZUELA

Amnesty: "Accertare cause di morte dei 30 detenuti"

"Esempio della violenza costante e dell’abbandono cui è sottomessa la popolazione carceraria"
Murale a Riace
EUROPEE

La Lega vince a Riace e Lampedusa

Salvini trionfa anche nei due luoghi del Meridione simbolo dell'accoglienza e degli sbarchi
Edoardo Rixi
EUROPEE

Rixi: "A M5s non è convenuto aggredirci"

Il viceministro leghista: "Rapporto di fiducia incrinato ma governo vada avanti"
Porto di Napoli
CAMPANIA

Appalti falsati al porto di Napoli: arresti

Sette ordinanze di custodia cautelare: 2 funzionari dell’Autorità portuale e 5 imprenditori
L'epicentro del sisma
CALABRIA

Terremoto magnitudo 3.8 tra Reggio e Vibo

La scossa è stata seguita 2 minuti dopo da una replica di magnitudo 2.3
La zona dello Stadio Olimpico a Roma

Ci dobbiamo sempre distinguere

ARoma tutto è normale. I comportamenti che in altre capitali europee sembrerebbero follie, nella Caput Mundi,...