GIOVEDÌ 04 MAGGIO 2017, 11:08, IN TERRIS

Tillerson: "La politica estera non sarà sempre subordinata ai diritti umani"

EDITH DRISCOLL
Tillerson:
Tillerson: "La politica estera non sarà sempre subordinata ai diritti umani"
La politica estera degli Stati Uniti non sarà sempre subordinata ai diritti umani, infatti in alcuni casi, le decisioni riguardanti le relazioni con i Paesi stranieri non verranno più prese adottando come criterio i valori americani perché a prevalere sarà l'interesse della sicurezza nazionale. E' quanto ha dichiarato Rex Tillerson, segretario di Stato Usa, che ha annunciato cambio di priorità da parte dell'amministrazione Trump, spiegando così "l'American First" di Donald Trump.

Priorità garantire la sicurezza nazionale


Tillerson, parlando dal suo dicastero, ha annunciato come da ora in poi la priorità assoluta sarà quella di garantire la sicurezza nazionale. L'ex numero uno di Exxon ha sottolineato come negli ultimi 20 anni, gli Stati Uniti hanno "perso la cognizione" sulle alleanze mondiali post guerra fredda che potrebbero non servire più gli interessi del Paese. "Sono alleanze molto importanti - ha affermato - ma dobbiamo cercare un equilibrio. In alcuni casi, se condizionassimo gli sforzi per la sicurezza nazionale all'adozione dei nostri valori, probabilmente non potremmo raggiungere i nostri obiettivi di sicurezza nazionale".

Nuove sanzioni alla Corea del Nord, nessuna fiducia alla Russia


Parlando ai dipendenti del Dipartimento di Stato, Tillerson ha affermato che gli Usa stanno preparando nuove sanzioni contro la Corea del Nord e prenderanno misure contro i Paesi che non rispettano pienamente la risoluzione Onu. Il ministro degli esteri a stelle e strisce ha anche spiegato che in Asia si stanno riesaminando i rapporti con la Cina. Tillerson ha spiegato poi che con la Russia "non c'è quasi alcuna fiducia" ma che l'amministrazione Trump sta tentando di ricostruirla, esaminando una cosa alla volta. La priorità numero uno al momento, ha spiegato, è la Siria, per vedere se si può raggiungere una tregua duratura. Canada e Messico sono pronti a impegnarsi in uno sforzo in buona fede per rinegoziare l'accordo commerciale Nafta e i rapporti "non sono così burrascosi come sembra qualche volta", ha detto infine il capo della diplomazia Usa ai dipendenti del Dipartimento di Stato.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Polizia
ORRORE A FOGGIA

Violenta la figlia davanti alla nipotina

Arrestato il padre di 48 anni per i reati di violenza sessuale aggravata e atti persecutori
Banca Etruria
BANCA ETRURIA

Consob: "Taciute criticità ai risparmiatori"

Il vice dg della Consob Giuseppe D'Agostino in audizione alla commissione d'inchiesta sulle banche
LINKIN PARK

"One More Light Live", l'album in cui rivive Chester

Il 15 dicembre esce la nuova raccolta dedicata al cantante scomparso
Silvio Berlusconi
ENDORSEMENT A GENTILONI

Botta e risposta fra Lega e Berlusconi

Il Carroccio: "Non tradiremo gli elettori". La replica dell'ex Cav: "Lo prevede la Costituzione"
polizia somala
SOMALIA

Sangue a Mogadiscio: attentato in una scuola di polizia

Un uomo del gruppo al-Shabaab si è fatto saltare in aria: almeno 17 morti
La navetta Soyuz
MISSIONE VITA

Rientrata la Soyuz con a bordo Paolo Nespoli

La navetta è atterrata nella steppa del Kazakistan dopo 139 giorni nello spazio
Valeria Fedeli

La ministra

La ministra dell'Istruzione, in un'intervista al ‘Mattino’ di Napoli, ha annunciato che...
Il ministro Mohamed Taher Siala
MIGRANTI

Tripoli replica ad Amnesty: "Rapporto esagerato"

Il ministro libico degli Esteri: "L'Italia ci sta aiutando. Abusi? C'è una commissione al lavoro"