MARTEDÌ 15 GENNAIO 2019, 10:12, IN TERRIS


YEMEN

Si lavora allo scambio di prigionieri

I colloqui dovrebbero svolgersi ad Amman, in Giordania

DANIELE VICE
La guerra in Yemen
La guerra in Yemen
S

i svolgeranno ad Amman, in Giordania, i colloqui inter-yemeniti per discutere dello scambio di migliaia di prigionieri tra insorti Houthi vicini all'Iran e forze lealiste filo-saudite. Lo riferiscono media panarabi, citando fonti diplomatiche giordane. 


Negoziati

Per ora le fonti non fanno sapere quando avverranno questi annunciati colloqui ad Amman ma osservatori affermano che i negoziati potrebbero partire anche nei prossimi giorni. L'inviato speciale per l'Onu, Martin Griffiths, aveva annunciato nei giorni scorsi che la Giordania si era offerta come possibile sede per ospitare i colloqui tra Houthi e forze lealiste per discutere dello scambio di circa 15mila prigionieri. La questione dello scambio dei detenuti è stata aperta a dicembre scorso, poco prima dell'avvio in Svezia dei colloqui di pace tra le parti mediati dall'Onu. Dopo una settimana di negoziati, le parti si sono accordate di proseguire i colloqui a gennaio, a partire dalla discussione su come scambiare i prigionieri.


La tregua

Arabia Saudita e Stati Uniti, intanto, si sono accordati per continuare ad applicare i termini della tregua siglata in Svezia tra insorti yemeniti e forze lealiste filo-saudite. Lo ha riferito l'ambasciata americana a Riad sul suo profilo Twitter dopo l'incontro avvenuto nelle ultime ore nella capitale saudita tra il principe ereditario, Muhammad bin Salman, e il segretario di Stato, Usa Mike Pompeo. In un comunicato, l'ambasciata afferma che i Pompeo e ben Salman si sono trovati d'accordo nel proseguire gli sforzi per una soluzione politica del conflitto in Yemen e per continuare il disimpegno di truppe dal porto conteso di Hudayda, sul Mar Rosso, dove transita circa l'80% degli aiuti umanitari Onu destinati al paese in guerra. 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Migranti
LIBIA

Msf: "Emergenza malnutrizione nei centri per migranti"

Un pasto ogni 2-3 giorni: "La Libia non è un porto sicuro"
Lavorazione industriale del cuoio
LOCRI

Scoperta evasione fiscale da 10 mln di euro

Denunciati i legali rappresentanti di due società operanti nella concia del cuoio
Spaccio di droga
NAPOLI

Traffico di droga ed estorsioni, 11 arresti

I destinatari dei provvedimenti sono residenti tra Frattamaggiore e Frattaminore
Il bus incendiato a San Donato
L'ATTACCO

Bus incendiato: studenti ancora sotto choc

Buona parte degli alunni coinvolti non tornerà a scuola oggi. Sy sotto stretta sorveglianza
Auto di lusso
PORDENONE

Maxi truffa su auto di lusso: 835 persone raggirate

Decine di indagati. Eseguiti anche ingenti sequestri di immobili e valori in tutt'Italia
Tribunale

Chi ha buone orecchie intenda

La vicenda triste del capogruppo dei M5stelle al Comune di Roma insegna a tutti, ancora una volta, che non basta...