GIOVEDÌ 13 GIUGNO 2019, 11:45, IN TERRIS


L'ALLARME

Serraj: "Migranti e terroristi verso l'Italia se..."

Il presidente libico riconosciuto dall'Onu chiede aiuto al nostro Paese

FC
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Fayez al Serraj
Fayez al Serraj
"N

oi prevediamo di ricevere un supporto concreto dall'Italia, i libici non dimenticheranno quei Paesi che durante questa crisi si sono dimostrati amici". Lo ha detto il presidente libico riconosciuto dall'Onu Fayez al Serraj in un'intervista esclusiva a Sky TG24, in onda alle 19.30 su Sky TG24 Mondo. "Se la guerra continuerà a Tripoli - ha continuato - ci saranno sicuramente conseguenze, a cominciare dall'immigrazione illegale. Non sarà possibile controllare il flusso dei migranti verso l'Italia. Tutti i migranti inoltre vorranno cercare un posto sicuro e saliranno sui 'barconi della morte' per cercare di raggiungere i porti più vicini in Europa" Serraj ha quindi sottolineato un aspetto preoccupante, ossia che "c'è inoltre il rischio terrorismo: se la guerra continuerà, oltre centomila sfollati lasceranno Tripoli e non saranno controllati". Ha quindi proseguito rilevando che "è ingiusto continuare questo embargo militare, nessuno ci aiuta, mentre dall'altra parte continuano ad arrivare rifornimenti militari. Ci deve essere giustizia: l'embargo deve essere per tutti o per nessuno".


A Tripoli è fase di stallo

Come ha spiegato l'esperto giornalista di guerra Fausto Biloslavo, nel corso di un convegno di ieri al Senato, la situazione bellica nel Paese nordafricano è in queste ore “di totale stallo”, in quanto “dopo due mesi di combattimenti nei pressi di Tripoli, le truppe del generale Haftar (sostenute da Francia, Egitto e Russia, ndr) non sono riuscite a dare la spallata ai miliziani che appoggiano il governo Serraj (riconosciuto dall’Onu e dall’Italia, ndr)”. Biloslavo ha poi lanciato l'allarme sugli sbarchi di piccoli barchini, sui quali spesso ci sono uomini armati, che riescono a partire alla volta delle coste settentrionali del Mediterraneo nonostante i pattugliamenti della Guardia costiera libica. “È vero che gli arrivi sono calati dell’85% in un anno, ma magari ci sono altri ‘sbarchi fantasma’ più preoccupanti”, le parole dell'inviato di guerra.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?

Cosa c'è dietro l'emigrazione dalla Libia

Un convegno al Senato per capire cosa sta accadendo nel nostro "giardino di casa"

Immigrati su un barcone
“Se lei cadesse, cosa succederebbe?”. “Gli africani si muoverebbero in massa verso l’Europa… e il Mediterraneo...
NEWS
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
 Alexei Navalny
RUSSIA

Mosca: rilasciato il dissidente Alexei Navalny

Era stato arrestato sotto casa lo scorso 24 luglio
Il viadotto crollato
ANCONA

Crollo cavalcavia A14: Procura, 22 a processo

Richiesta per 18 persone e 4 società; l'udienza preliminare si terrà il 9 dicembre
Sacedote esorcista
MEETING RIMINI

Esorcisti: “Esistenza reale del diavolo è verità di fede”

"La Chiesa mette in guardia da coloro che lo ritengono solo un simbolo"
Donald Trump

La Groenlandia, gli europei e gli americani

Donald Trump non si recherà più in visita di Stato nel regno di Danimarca. Infatti il Tycoon presidente,...