SABATO 16 MARZO 2019, 001:51, IN TERRIS


BREXIT

Londra avvisata: "Fuori a luglio se non fa le europee"

Aut aut da Bruxelles: il Regno Unito sarà fuori se non parteciperà alle elezioni di maggio

REDAZIONE
Theresa May
Theresa May
I

l rischio che le elezioni europee fossero uno snodo cruciale anche per il Regno Unito si era palesato nel momento in cui l'Unione europea aveva stipulato il nuovo accordo sul backstop, rivedendone alcune parti e dando l'avviso ai naviganti che, d'ora in poi, di concessioni non ce ne sarebbero più state. In quel momento, a Theresa May era stato dato l'aut aut: convincere il Parlamento o prepararsi a tutti gli scenari possibili, compreso quello, quasi ovvio dopo la bocciatura numero due del piano May, del rinvio. In questo caso, però, come prevedibile si sarebbero inserite le europee. Questo perché, con la dilazione dei tempi e il prolungamento della permanenza nei ranghi europei, Londra è tenuta a partecipare al voto del prossimo Europarlamento. In caso contrario, da Bruxelles sono chiari: "La partecipazione del Regno Unito all'Ue terminerà il primo luglio se il Paese non organizzerà le elezioni europee di maggio".


Due scenari

La nuova clausola spunta da una bozza di documento distribuita nel corso della riunione dei 27 ambasciatori dell'Ue, organizzata per preparare la discussione dei leader al Consiglio europeo del 21 marzo, proprio in virtù dell'attesa richiesta di proroga da parte di Theresa May, che dovrebbe arrivare nei prossimi giorni. In sostanza, qualora si decidesse per la concessione di dilazione lunga, la condizione posta è la partecipazione alle europee. In caso negativo, si paleserebbe lo scenario numero due, quello della dilazione breve, ma in questo caso in modo "forzato": non partecipasse, infatti, la Gran Bretagna andrebbe comunque fuori a luglio, nella stessa data prevista dalla proroga a breve per la quale, però, servirebbe l'ok di Westminster al piano May entro il 29 marzo. Un'ipotesi che appare, a meno di qualche stravolgimento dell'ultima ora, piuttosto remota considerando la doppia bocciatura rimediata dalla premier. Il nuovo altolà imposto da Bruxelles, a ogni modo, riduce di molto le probabilità di scelta: o l'una o l'altra ipotesi, May finirebbe per scontentare qualcuno, mentre l'Unione, stavolta sul serio, aspetta alla finestra.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo
Urna elettorale
REGIONALI

Basilicata al voto: tutto quello che c'è da sapere

In tre sfidano il centrosinistra, che governa ininterrottamente dal 1995
La nave in difficoltà
NORVEGIA

Nave da crociera in avaria al largo della costa

In corso l'evacuazione dei 1.300 passeggeri. Non ci sono i feriti
Ousseynou Sy
TERRORE BUS MILANO

Gip: "Sy deve restare in carcere"

Confermati anche gli altri reati di sequestro di persona, resistenza e incendio