LUNEDÌ 21 GENNAIO 2019, 12:40, IN TERRIS


MEDIO ORIENTE

Israele attacca la Siria per colpire l'Iran

L'aviazione israeliana colpisce basi iraniane vicino Damasco, da Teheran rispondono: "Pronti a eliminarvi"

REDAZIONE
Raid israeliano su Damasco
Raid israeliano su Damasco
S

iria nel mirino di Israele. L'aviazione dello Stato ebraico ha colpito diversi obiettivi della forza 'Quds' iraniana fra cui "magazzini di munizioni ed installazioni vicine all'aeroporto di Damasco, un sito dell'intelligence ed un campo di addestramento delle forze armate iraniane". Durante l'attacco verso i jet israeliani sono stati lanciati decine di razzi terra-aria siriani e di conseguenza sono state colpite anche batterie della difesa aerea della Siria. Secondo la radio militare, tutti gli aerei israeliani sono rientrati indenni alle loro basi. Il bilancio è di 11 vittime. Per ragioni prudenziali, il sito sciistico israeliano del Monte Hermon - dove ieri al momento del lancio del razzo iraniano si trovavano circa 5mila escursionisti - resterà oggi chiuso. Nel suo comunicato il portavoce militare afferma che "sparando ieri verso Israele l'Iran ha dato la prova definitiva delle sue reali intenzioni in Siria" ed ha aggiunto che da parte sua il regime siriano resta responsabile per tutto quanto avviene nel suo territorio.


Israele: "Iran sfrutta la Siria, ne sta pagando il prezzo"

Jonathan Conricus, portavoce dell'esercito israeliano, ha detto che Israele "ha informato le forze armate siriane che non erano obiettivo dell'attacco in corso, che invece era diretto soltanto nei confronti di basi iraniane". "Ciò nonostante - ha aggiunto - loro hanno lanciato decine di missili e di conseguenza abbiamo attaccato anche basi dell'antiaerea siriana". "Il regime siriano è - ha concluso Conricus - responsabile di quanto avviene nel suo territorio e si espone a rischi consentendo le attività militari iraniane. L'Iran sfrutta la Siria e questa ieri ne ha pagato il prezzo". Secondo l'Ondus (Osservatorio Siriano per i diritti umani), si è trattato del raid più vasto e potente degli ultimi anni compiuto da Israele in Siria. Fonti russe avevano detto in precedenza che circa 30 missili israeliani sono stati intercettati e distrutti dal sistema difensivo siriano di fabbricazione russa. Israele - riferisce ancora l'Ondus - ha colpito e distrutto diversi depositi di armi e installazioni militari iraniane e di Hezbollah nella zona dell'aeroporto internazionale di Damasco, a sud-est della capitale siriana. Non è possibile verificare in maniera indipendente le informazioni sul terreno. 


Scontri anche nel sud-est

C'è anche un altro fronte ad essersi aperto in Siria ed è quello nel sud-est del Paese, al confine con l'Iraq. Qui le forze curdo-siriane hanno conquistato una località a lungo in mano all'Isis. Lo riferiscono fonti sul terreno e media curdo-siriani, secondo cui la cittadina di Safafinah è ora in mano delle Forze democratiche siriane, piattaforma sostenuta dalla Coalizione anti-Isis a guida Usa. Da mesi prosegue l'offensiva delle forze curdo-siriane contro l'ultima sacca di territorio in mano ai jihadisti in Siria.


La minaccia iraniana

Dopo le dichiarazioni israeliane, non è mancata la risposta da parte di Teheran. Il comandante dell'aeronautica iraniana, il generale Aziz Nasirzadeh, l'Iran è "impaziente di combattere il regime sionista", cioè Israele, ed "eliminarlo dalla Terra". Lo ha affermato oggi il comandante dell'aeronautica di Teheran, generale Aziz Nasirzadeh, dopo gli attacchi aerei di Israele in Siria diretti contro installazioni militari iraniane. Lo riferisce la televisione di Stato. Le giovani generazioni iraniane si stanno addestrando per "il giorno promesso", ha aggiunto il generale, riferendosi evidentemente ad un presunto scontro aperto con Israele. "Assicuriamo il popolo iraniano - ha aggiunto Nasirzadeh - che siamo pronti a rispondere ad ogni minaccia e che i nemici non oseranno invadere il territorio dell'Iran".

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista
Corteo Festa del Tricolore a Catania
CATANIA

All'ospedale giovane aggredito da 30 antifascisti

Il 18 stava distribuendo volantini di una comunità giovanile identitaria: rotto uno zigomo
Bambino al rubinetto dell'acqua
GIORNATA MONDIALE DELL€ACQUA

Unicef: "Più bimbi morti per diarrea che per proiettili"

Oltre 4,5 miliardi di persone non usano servizi igienico-sanitari sicuri
Aereo che ha portato Xi a Roma
ACCORDO ITALIA-CINA

Conte e Di Maio difendono la Via della Seta

Premier e vicepremier 5Stelle: "Nuove opportunità". E intanto giungono critiche dal Finantial Times
LORETO

Al via il pellegrinaggio dei giovani dell'Unitalsi

Una delegazione donerà al Papa un simbolo dell'Associazione
La stazione Termini a Roma
STAZIONE TERMINI

Paura in centro a Roma: minaccia i passanti con una pala

Prima aveva tentato di rapinare un'edicolante nella Galleria
Il bus incendiato nel milanese
LA CIRCOLARE

Viminale: stretta sulle patenti degli autisti dei bus

Maggiori controlli e raccordo operativo con le motorizzazioni civili
Cina: la violenta esplosione nell'impianto chimico
CINA

Esplode impianto chimico: 47 morti

Il presidente Xi in visita in Italia: "Massimo sforzo per salvare vite umane"
Il Fronte al-Nusra
ABRUZZO E ALTRE REGIONI

Finanziavano i terroristi: 20 indagati

Le ipotesi investigative sarebbero riconducibili al movimento radicale islamico Al-Nusra
La tendopoli
SAN FERDINANDO

Ancora un rogo: morto un migrante

Incendio nella tendopoli che ospita le persone sgomberate dalla vecchia baraccopoli