VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 15:29, IN TERRIS


VENEZUELA

Cile e Brasile: "Regime di Maduro illegittimo"

Critiche anche da Argentina, Colombia, Ecuador, Perù e Paraguay. Mosca accusa Washington

EDITH DRISCOLL
Nicolàs Maduro
Nicolàs Maduro
A

nche Cile e Brasile hanno annunciato di disconoscere la legittimità del presidente venezuelano, Nicolàs Maduro, che ieri ha giurato a Caracas per un secondo mandato di sei anni. Tra i Paesi latinoamericani critici anche Argentina, Colombia, Ecuador, Perù e Paraguay. 


Prese di posizioni

"Il Cile non riconosce la legittimità del regime di Maduro" ha dichiarato il presidente cileno Sebastián Piñera in una nota. Questo perché, ha aggiunto, è giunto al potere "in modo illegittimo, come risutato di una elezione che non ha risposto ai requisiti minimi e necessari" di una elezione "libera, democratica, trasparente e con presenza di osservatori internazionali". Da parte sua il ministero degli Esteri brasiliano ha diffuso un comunicato ufficiale in cui ha definito "illegittimo" il governo di Maduro. Dopo aver precisato di voler riconoscere l'Assemblea nazionale come "unico organo costituzionalmente eletto", il comunicato conclude segnalando che "il Brasile continuerà a lavorare per la restaurazione della democrazia e dello stato di diritto in Venezuela e proseguirà il coordinamento con tutti i soggetti impegnati per la libertà del popolo venezuelano".  


Superpotenze contro

Maduro ha a più riprese accusato diversi Paesi sudamericani di essere "satelliti" degli Stati Uniti. Sotto questo aspetto vanno registrate anche le accuse di Mosca, che ha denunciato la "linea sfrontata di Washington verso la formazione anticostituzionale di strutture di governo alternative in Venezuela" e "il rafforzamento delle sanzioni che provocano il deterioramento delle condizioni socioeconomiche" del Paese sostenendo che rappresentino "un'aperta violazione della sovranità del Venezuela". Ieri, nel giorno dell'insediamento di Nicolas Maduro per un secondo mandato presidenziale di sei anni, il consigliere della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, John Bolton, ha dichiarato che "gli Usa non riconosceranno l'investitura illegittima della dittatura di Maduro e continueranno ad aumentare la pressione su questo regime corrotto, a sostenere l'assemblea nazionale democratica e a chiedere la libertà e la democrazia in Venezuela". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Dorothea Wierer
COPPA DEL MONDO

Biathlon, trionfo per Dorothea Wierer

L'altoatesina conquista la Coppa generale, è la prima in assoluto per l'Italia. Lisa Vittozzi (2a) completa il...
La Viking Sky in balia delle onde
NORVEGIA

La Viking Sky attracca a Molde

Incubo finito: tutti in salvo i 1300 passeggeri, 460 evacuati con gli elicotteri
Xi Jinping
LA VISITA

Xi a Palermo, un'eredità reciproca

Il presidente cinese vola nel Principato di Monaco dopo una giornata intensa in Sicilia: "Aumenteranno i turisti...
Il piatto finito
LA RICETTA DEL WEEKEND

Pennette panna e gamberetti: giocare facile a tavola

Bastano pochi ingredienti per realizzare un piatto da consumare da soli o in famiglia
Rafi Eitan
ISRAELE

Addio a Rafi Eitan, catturò Eichmann

La leggenda del Mossad si è spenta a 92 anni. Pose fine alla latitanza dell'ex SS
Italia-Finlandia 2-0. L'esultanza degli Azzurri dopo la rete di Barella
EURO 2020 | QUALIFICAZIONI

La giovane Italia parte forte: Barella-Kean, Finlandia k.o.

Gli Azzurri s'impongono 2-0 alla Dacia Arena. Qualcosa da sistemare ma la strada è giusta. Esordio per Zaniolo