VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 15:29, IN TERRIS


VENEZUELA

Cile e Brasile: "Regime di Maduro illegittimo"

Critiche anche da Argentina, Colombia, Ecuador, Perù e Paraguay. Mosca accusa Washington

EDITH DRISCOLL
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Nicolàs Maduro
Nicolàs Maduro
A

nche Cile e Brasile hanno annunciato di disconoscere la legittimità del presidente venezuelano, Nicolàs Maduro, che ieri ha giurato a Caracas per un secondo mandato di sei anni. Tra i Paesi latinoamericani critici anche Argentina, Colombia, Ecuador, Perù e Paraguay. 


Prese di posizioni

"Il Cile non riconosce la legittimità del regime di Maduro" ha dichiarato il presidente cileno Sebastián Piñera in una nota. Questo perché, ha aggiunto, è giunto al potere "in modo illegittimo, come risutato di una elezione che non ha risposto ai requisiti minimi e necessari" di una elezione "libera, democratica, trasparente e con presenza di osservatori internazionali". Da parte sua il ministero degli Esteri brasiliano ha diffuso un comunicato ufficiale in cui ha definito "illegittimo" il governo di Maduro. Dopo aver precisato di voler riconoscere l'Assemblea nazionale come "unico organo costituzionalmente eletto", il comunicato conclude segnalando che "il Brasile continuerà a lavorare per la restaurazione della democrazia e dello stato di diritto in Venezuela e proseguirà il coordinamento con tutti i soggetti impegnati per la libertà del popolo venezuelano".  


Superpotenze contro

Maduro ha a più riprese accusato diversi Paesi sudamericani di essere "satelliti" degli Stati Uniti. Sotto questo aspetto vanno registrate anche le accuse di Mosca, che ha denunciato la "linea sfrontata di Washington verso la formazione anticostituzionale di strutture di governo alternative in Venezuela" e "il rafforzamento delle sanzioni che provocano il deterioramento delle condizioni socioeconomiche" del Paese sostenendo che rappresentino "un'aperta violazione della sovranità del Venezuela". Ieri, nel giorno dell'insediamento di Nicolas Maduro per un secondo mandato presidenziale di sei anni, il consigliere della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, John Bolton, ha dichiarato che "gli Usa non riconosceranno l'investitura illegittima della dittatura di Maduro e continueranno ad aumentare la pressione su questo regime corrotto, a sostenere l'assemblea nazionale democratica e a chiedere la libertà e la democrazia in Venezuela". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
La nave Ocean Viking
MIGRANTI

Intesa raggiunta: Ocean Viking attracca a Malta

Il premier maltese ne dà l'annuncio via Twitter: i 356 naufraghi saranno redistribuiti in altri 6 Paesi
Pupi Avati
CINEMA

Ecco “Il signor diavolo” di Pupi Avati

Il regista cattolico trasforma in film il suo libro sulla presenza del male
SPAZIO

Nella Via Lattea fino a 10 milioni di "gemelli" della Terra

Lo ha calcolato l’università della Pennysilvania con i dati del telescopio Kepler. La prossima missione spaziale...
 Alexei Navalny
RUSSIA

Mosca: rilasciato il dissidente Alexei Navalny

Era stato arrestato sotto casa lo scorso 24 luglio
Il viadotto crollato
ANCONA

Crollo cavalcavia A14: Procura, 22 a processo

Richiesta per 18 persone e 4 società; l'udienza preliminare si terrà il 9 dicembre
Sacedote esorcista
MEETING RIMINI

Esorcisti: “Esistenza reale del diavolo è verità di fede”

"La Chiesa mette in guardia da coloro che lo ritengono solo un simbolo"