VENERDÌ 11 GENNAIO 2019, 15:29, IN TERRIS


VENEZUELA

Cile e Brasile: "Regime di Maduro illegittimo"

Critiche anche da Argentina, Colombia, Ecuador, Perù e Paraguay. Mosca accusa Washington

EDITH DRISCOLL
Nicolàs Maduro
Nicolàs Maduro
A

nche Cile e Brasile hanno annunciato di disconoscere la legittimità del presidente venezuelano, Nicolàs Maduro, che ieri ha giurato a Caracas per un secondo mandato di sei anni. Tra i Paesi latinoamericani critici anche Argentina, Colombia, Ecuador, Perù e Paraguay. 


Prese di posizioni

"Il Cile non riconosce la legittimità del regime di Maduro" ha dichiarato il presidente cileno Sebastián Piñera in una nota. Questo perché, ha aggiunto, è giunto al potere "in modo illegittimo, come risutato di una elezione che non ha risposto ai requisiti minimi e necessari" di una elezione "libera, democratica, trasparente e con presenza di osservatori internazionali". Da parte sua il ministero degli Esteri brasiliano ha diffuso un comunicato ufficiale in cui ha definito "illegittimo" il governo di Maduro. Dopo aver precisato di voler riconoscere l'Assemblea nazionale come "unico organo costituzionalmente eletto", il comunicato conclude segnalando che "il Brasile continuerà a lavorare per la restaurazione della democrazia e dello stato di diritto in Venezuela e proseguirà il coordinamento con tutti i soggetti impegnati per la libertà del popolo venezuelano".  


Superpotenze contro

Maduro ha a più riprese accusato diversi Paesi sudamericani di essere "satelliti" degli Stati Uniti. Sotto questo aspetto vanno registrate anche le accuse di Mosca, che ha denunciato la "linea sfrontata di Washington verso la formazione anticostituzionale di strutture di governo alternative in Venezuela" e "il rafforzamento delle sanzioni che provocano il deterioramento delle condizioni socioeconomiche" del Paese sostenendo che rappresentino "un'aperta violazione della sovranità del Venezuela". Ieri, nel giorno dell'insediamento di Nicolas Maduro per un secondo mandato presidenziale di sei anni, il consigliere della Casa Bianca per la sicurezza nazionale, John Bolton, ha dichiarato che "gli Usa non riconosceranno l'investitura illegittima della dittatura di Maduro e continueranno ad aumentare la pressione su questo regime corrotto, a sostenere l'assemblea nazionale democratica e a chiedere la libertà e la democrazia in Venezuela". 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
BOLOGNA

Smantellato cartello di agenzie funebri, 30 arresti

I militari stanno procedendo anche ad un sequestro preventivo di beni per circa 13 milioni di euro
L'esplosione
FRANCIA

Esplosione in un'università di Lione

La deflagrazione avrebbe coinvolto la biblioteca scientifica dell'ateneo
Intervento del card. Bassetti in Sala Zuccari del Senato
SENATO

Andreotti: "Ho combattuto la mafia con atti pubblici"

Presentato ieri il libro "I miei santi in paradiso". Card. Bassetti: "Si battè per collocare l'Italia...
Caporalato
LAVORO SFRUTTATO

Caporalato: nuovi arresti

A Latina stranieri impiegati in "condizioni disumane". Ieri operazione in Basilicata
Il germoglio di cotone coltivato sulla Luna dai cinesi

Il cotone sulla Luna

Nata una piantina di cotone sulla Luna, in una serra appositamente allestita da cinesi, in conseguenza di un programma...
Mark Zuckerberg
LA STRETTA

Spot elettorali: giro di vite di Facebook

Il colosso di Zuckerberg vuole evitare un nuovo Russiagate