DOMENICA 09 GIUGNO 2019, 16:05, IN TERRIS

IL PELLEGRINAGGIO

Macerata-Loreto, il Papa "in cammino" con i pellegrini

Papa Francesco telefona durante il raduno allo Stadio Recina per salutare i fedeli: "Dobbiamo sempre camminare con lo Spirito"

DM
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Fedeli nello Stadio Helvia Recina - Foto © Facebook
Fedeli nello Stadio Helvia Recina - Foto © Facebook
U

na marea umana, come ogni anno, ha accompagnato il pellegrinaggio da Macerata a Loreto, luogo speciale per il suo importante Santuario mariano. Un momento sempre carico di fede e di fratellanza che, da 41 anni a questa parte, rende la poca distanza che separa le due città un unico fiume di cuori in preghiera. Un pellegrinaggio che, quest'anno, è stato reso ancor più speciale dalla concreta vicinanza di Papa Francesco che, durante il tradizionale raduno allo Stadio Helvia Recina di Macerata, ha rivolto un messaggio ai quasi centomila fedeli, incoraggiandoli a intrapredere un cammino al quale sarebbe stato vicino con il cuore. Un affetto dimostrato non solo con la preghiera ma anche con le parole. E, dopo una battuta fatta all'arcivescovo di Fabriano-Matelica e ideatore del pellegrinaggio nel 1978 come gesto di ringraziamento alla Madonna, mons. Giancarlo Vecerrica ("Porta le scarpe da tennis sotto la veste da vescovo? Una bella macedonia, mi piace"), Papa Francesco si rivolge a tutti i partecipanti: "Questa sera vi sono vicino nel peregrinare. Peregrinare è camminare. È fare in una sera quello che si fa in tutta la vita: andare avanti. Nella vita si deve sempre camminare. Anche quando siamo nel riposo, dobbiamo camminare con lo Spirito, per andare sempre avanti, all’incontro con la pienezza. La pienezza di Gesù. La pienezza per tutti noi”.


Un appuntamento importante

Grande attenzione, come sempre, è stata concessa a questo importante appuntamento di fede, presenziato fra gli altri dal presidente della Cei, card. Gualtiero Bassetti, dagli arcivescovi di Ancona-Osimo e di Jesi, mons. Spina e mons. Rocconi, dall'arcivescovo di Pesaro e presidente della Conferenza epsicopale delle Marche, mons. Piero Coccia, dal segretario generale della Cei e amministratore apostolico di Fabriano-Matelica, monsignor Stefano Russo e, infine, dal vescovo di Macerata-Tolentino-Recanati-Cingoli-Treia mons. Nazzareno Marconi. Assieme a loro, centomila partecipanti "in scarpe da tennis", pronti a raggiungere a piedi Loreto durante la notte della veglia di Pentecoste. Dalle trecento persone del 1978, il pellegrinaggio è oggi un raduno di decine di migliaia di fedeli, segno di come l'appuntamento abbia richiamato quanti sentissero non solo il bisogno di ringraziare la Madre di Dio ma anche di partecipare alla benedizione conclusiva, per tornare a casa colmi della gioia per il dono ricevuto. Un dono del quale, nel 1993, fu partecipe anche san Giovanni Paolo II.

Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 


Scrivi il tuo commento

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
USA

Trump alla marcia contro aborto: "Io difensore dei non nati"

Il ministero della sanità ha quindi dato alla California 30 giorni di tempo per bloccare le sue richieste alle...
MIGRANTI

La Ocean Viking salva 92 persone, tra loro minori non accompagnati

Le operazioni di soccorso a 30 miglia nautiche dalla costa della Libia

Tik Tok, la piattaforma social che spaventa

E' presente ormai in 150 Paesi, ha una interfaccia disponibile in 75 lingue diverse, un miliardo di iscritti e...
Cina, persone contagiate da coronavirus
EMERGENZA SALUTE

Virus misterioso, la Cina allarga il cordone sanitario

Quattro casi confermati in Australia, tre in Francia. Nel Regno Unito si cercano 2.000 persone recentemente rientrate dalla Cina
TERREMOTO

Turchia: sisma magnitudo 6.8. Morti e feriti

Diverse persone, almeno 30, sarebbero intrappolate sotto le macerie
Alla destra, l'Arcivescovo della diocesi di Matera-Irsina, S.E. Mons. Antonio Giuseppe Caiazzo
BASILICATA

Migranti, la Chiesa che combatte i caporali

A Interris.it l'invito dell'Arcivescovo di Matera-Irsina, Mons. Caiazzo: "Siate cattolici oltre le etichette"
WELFARE

Caregivers, un "esercito" invisibile per l'assistenza ai familiari

Il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan: "Necessaria una riforma. Vanno sostenuti economicamente"

L'Ue blocchi l'offerta del sesso a pagamento

Le strade del mondo in cui si trovano schiave del sesso sono tutte uguali e questo perchè il problema è...
SOS DEI COLTIVATORI

Dazi, -7,7% di esportazioni italiane negli Usa

Il pesante impatto economico della guerra commerciale di Donald Trump sull'agroalimentare Made in Italy. I contraccolpi del...
CONTRO IL DEGRADO CAPITALE

A salvaguardia della Fontana di Trevi

Oltre all'installazione della barriera protettiva, saranno controllate anche le vie d'accesso in funzione...
ANTISEMITISMO

"Qui ebrei" scritta choc sulla casa di un'ex deportata

A pochi giorni dal 70esimo anniversario dalla liberazione dei lager ancora un gesto antisemita
OMICIDIO SACCHI

Ecco perchè anche Anastasiya andrà a processo

Giudizio immediato per i sei indagati nell'inchiesta sull'omicidio di Luca Sacchi. Tra questi i due autori materiali...
GERMANIA

Sparatoria a Rot am See, 6 morti

Tragedia in una piccola città tedesca, dove un uomo armato ha aperto il fuoco in un edificio. Preso il killer
USA

Houston, esplosione in un palazzo

Ancora non è noto se ci siano vittime o feriti, così come sono ignote le cause dell'esplosione