Le iniziative della Settimana della carità

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:02

Domenica 19 novembre sarà celebrata la prima Giornata mondiale dei poveri, indetta da Papa Francesco al termine dell'Anno Santo straordinario della Misericordia, sul tema “Non amiamo a parole ma con i fatti”. La diocesi di Cremona si sta preparando a questo appuntamento con una serie di eventi che sulla falsariga del tema proposto dal S. Padre saranno al centro della “Settimana della carità 2017“.

La domenica indicata dal Papa (quella che precede la solennità di Cristo Re, ultima dell'anno liturgico) cade in prossimità della festa di sant’Omobono, il patrono della città e della diocesi di Cremona, da sempre riconosciuto come “padre dei poveri”. Laico, ricco mercante di stoffe, morì il 13 novembre 1197 mentre assisteva alla Messa. Omobono usò le sue sostanze proprio per aiutare i più bisognosi, in un'epoca di grande conflitto tra Papato e Impero, fazione con cui era schierata la città lombarda.

Anche questa caratteristica del patrono ha spinto Caritas Cremonese, come si legge sul suito diocesano, “a fare del tema della prima Giornata mondiale dei poveri il fulcro delle tradizionali iniziative promosse a livello locale come sprone di riflessione e preghiera perché la carità resti sempre al centro della vita delle comunità cristiane. Davvero ricco il programma di quest’anno, pensato per una riflessione condivisa con le diverse realtà che quotidianamente si confrontano con il tema della povertà, sotto i diversi punti di vista. In questa ottica si svolgerà a Cremona il convegno regionale dell’Azione cattolica e sarà riproposto l’impegno dell’associazione 'No spreco'. Non mancano alcuni stimoli mazzolariani, a poche settimane dall’apertura del processo di beatificazione del celebre parroco di Bozzolo”. Il primo appuntamento in programma, infatti, sarà giovedì 9 novembre, alle 18, presso la sala consiliare della Fondazione Città di Cremona con la presentazione del libro “La carità è sempre un po’ eccessiva” (Dehoniane, 2017) che raccoglie dieci lettere inedite di don Primo Mazzolari al vescovo Giovanni Cazzani. Saranno presenti Angela Bellardi, ex direttrice dell’Archivio storico di Cremona, don Andrea Foglia, già direttore dell’Archivio storico diocesano, e don Bruno Bignami, presidente della Fondazione Don Primo Mazzolari.

Tra gli altri eventi in programma saranno ricordati alcuni significativi anniversari di servizio: i 10 anni della comunità per minori 'Lidia Pieresca' e i 20 anni dell’associazione di famiglie affidatarie 'Il Girasole'. Infine, a contrassegnare la solennità di sant’Omobono anche l’inaugurazione di una nuova “opera segno” di Caritas Cremonese. Alle 15 del 13 novembre nella parrocchia di S. Giuseppe, nel quartiere Cambonino saranno inaugurati tre mini appartamenti destinati a donne (anche con figli) che vivono situazioni di fragilità. Con i fondi dell’8xmille, è stato possibile realizzare anche una lavanderia solidale che, rispondendo alle necessità concrete delle diverse strutture dalla Caritas diocesana, offrirà anche alcuni nuovi posti di lavoro.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.