La burocrazia blocca il nuovo santuario

ULTIMO AGGIORNAMENTO 2:30

Più di 2.500 persone – fedeli, pellegrini e cittadini – hanno firmato una petizione nella quale si chiede la costruzione di una nuova chiesa in località Pantano. Si tratta di un importante gesto di vicinanza alla comunità parrocchiale di Sant'Agostino e alla Chiesa della nostra diocesi. La lettera è indirizzata al vescovo Luigi Marrucci, al sindaco di Civitavecchia Antonio Cozzolino e alle congregazioni per la Dottrina della Fede e per il Culto Divino e la Disciplina dei Sacramenti. La Curia vescovile, a tale proposito, precisa che la realizzazione della chiesa e dell'annesso centro pastorale in sostituzione dell'esistente struttura con tendone – opera progettata già dal compianto vescovo Carlo Chenis – è attualmente nella fase finale del processo di approvazione da parte degli uffici tecnici comunali”.

Lo rende noto un comunicato della diocesi di Civitavecchia che fa il punto sulla realizzazione del santuario atteso ormai da diversi anni destinato ad ospitare i pellegrini che intendono venerare la Madonnina che pianse sangue. “Un percorso complesso che, negli anni passati, ha coinvolto anche la Regione Lazio proprietaria di alcuni terreni, nonché altri soggetti, e che finalmente sta per giungere alla fase operativa – continua la nota – Più volte, negli ultimi mesi, il vescovo Marrucci e gli uffici della Curia hanno sollecitato il Comune per la conclusione dell'iter burocratico; in considerazione di questa ulteriore richiesta 'popolare', si confida in una maggiore celerità. Per la realizzazione dell'opera la Conferenza episcopale italiana si è impegnata a un finanziamento con fondi dell'otto per mille che andrà ad aggiungersi alle risorse che verranno impiegate dalla diocesi di Civitavecchia-Tarquinia e dalla comunità parrocchiale di Sant'Agostino”.

Un impegno economico rilevante, fa notare la Curia, “che non vede contributi pubblici di alcun tipo, e che si unisce allo sforzo della diocesi per la realizzazione della nuova chiesa e del complesso parrocchiale di San Liborio, sempre a Civitavecchia, anche questo finanziato solo con fondi Cei e della comunità. A Sant'Agostino, vicino all'attuale chiesa, sorgerà una struttura pastorale multifunzionale che oltre ed essere luogo di celebrazioni sarà a disposizione della comunità diocesana per convegni, incontri dei giovani e manifestazioni”.

Niente da fare, invece, per la Via Crucis “alberata e nel verde” chiesta nella petizione: l'opera non risulta nel progetto e che non è tra le priorità pastorali e di culto della parrocchia di Sant'Agostino, pertanto non verrà presa in considerazione.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.