Ecco quante nuove specie di batteri sono state identificate in Antartide

I batteri sono stati scoperti in un'area che fino a poco tempo fa era considerata sterile

ULTIMO AGGIORNAMENTO 11:53

Sono 269 le nuove specie di batteri che sono state scoperte dai ricercatori della Fondazione Edmund Mach (Fem), in collaborazione con l’Università della Tuscia, il Joint Genome Institute (JGI) e l’Università della California. Le specie sono state identificate in una zona dell’Antartide fino a poco considerate sterile.

Lo studio

Lo studio, che ha portato alla ricostruzione di 497 genomi batterici, è stato pubblicato sulla rivista di microbiologia Microbiome e – secondo i ricercatori – potrà fornire informazioni utili sugli effetti dei cambiamenti climatici sui microorganismi sia negli ambienti estremi sia in altre realtà come le Alpi. Le comunità microbiche criptoendolitiche sono state rinvenute nelle rocce estratte dalle valli secche di McMurdo. L’Università della Tuscia, che coordina il progetto sulla ricostruzione metagenomica delle comunità endolitiche di Victoria Land, ha prelevato i campioni che a loro volta sono stati sequenziati dal Joint Genome Institute (JGI) mentre la Fondazione Mach, con le Unità di biologia computazionale e di entomologia agraria, si è occupata della ricostruzione e datazione dei genomi attraverso le analisi bioinformatiche.

Le dichiarazioni del bioinformatico Davide Albanese

“E’ stato evidenziato – spiega il bioinformatico Davide Albanese del Centro ricerca e innovazione Fem, come riportato dall’Ansa – come molte di queste specie siano frutto di una differenziazione risalente a più di 410 milioni di anni fa (molto prima dell’origine dell’Antartide moderna), e come abbiano trovato nelle presenti condizioni ambientali nuove opportunità per diffondersi e diversificarsi. La loro caratterizzazione ha permesso di identificare i geni che contraddistinguono i batteri antartici dalle specie conosciute più simili, fornendo informazioni utili per quanto riguarda la possibilità di vita al di fuori della Terra”.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.