Diavolo di mare e capodoglio: avvistamenti spettacolari a Punta Campanella

I due esemplari, entrambi rari in quel tratto di mare, sono stati notati da alcuni gruppi di pescatori. Rarissimi gli avvistamenti in superficie di questa tipologia di mante

ULTIMO AGGIORNAMENTO 16:30

Un incontro davvero insolito quello avvenuto nel braccio di mare che separa l’isola di Capri e la costa di Sorrento, non solo per il luogo ma anche per le circostanze. Mobula Mobular è un nome che potrebbe dire poco ma Diavolo di Mare richiama l’attenzione non solo degli esperti ma anche dei semplici curiosi. Ed è quanto è stato avvistato, a pelo d’acqua, da una barca di pescatori, che ha incrociato la rotta dell’enorme manta mediterranea nelle acque di Punta Campanella, Area marina protetta nel Tirreno al largo della Campania, dove il pesce aveva deciso di dirigersi per la sua nuotata. Immagini straordinarie, sia per gli esemplari sempre più rari presenti nel Mediterraneo, sia per l’abitudine di queste mante di nuotare in acque estremamente profonde.

Gli incontri

Le riprese effettuate da Antonio Gargiulo e dai suoi compagni di pesca rappresentano davvero un fatto insolito, anche per la sopravvivenza sempre più a rischio di questa specie minacciata dalla pesca invasiva e dalle catture accidentali con le reti. Accidentale perché, secondo le normative vigenti, la pesca del Diavolo di Mare è severamente vietata, con sanzioni per migliaia di euro previste per le trasgressioni. Di abitudini prevalentemente abissali, questo esemplare è stato visto nuotare (e a fasi alterne emergere) in superficie, lasciando stupefatti i pescatori, specie in una giornata in cui, poco distante, un altro spettacolare avvistamento è avvenuto non distante dai Faraglioni di Capri, dove è stato notato un capidoglio. Presenze insolite ma che costituiscono un buon segno: “Sono video e presenze spettacolari che fanno bene al nostro mare – ha detto Michele Giustiniani, presidente del Parco Marino -. Ringraziamo i pescatori e quanti ci segnalano queste meraviglie che abbiamo tutti il dovere di tutelare”.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.