LUNEDÌ 11 GIUGNO 2018, 12:54, IN TERRIS


MOSTRA

Dadaismo russo 1914-1924

Al museo Reina Sofia di Madrid fino al 22 ottobre 2018

VERONICA LEA
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Kazimir Malévich e Vladímir Mayakovski (testo), El carrusel de Guillermo, 1914, litografia, 52 x 39 cm, Mosca, Museo Estatal Mayakovski (particolare)
Kazimir Malévich e Vladímir Mayakovski (testo), El carrusel de Guillermo, 1914, litografia, 52 x 39 cm, Mosca, Museo Estatal Mayakovski (particolare)
I

l Museo Reina Sofía di Madrid inaugura un’esposizione dedicata al Dadaismo russo nel periodo che va dal 1914 al 1924. La mostra comprende centinaia di opere tra dipinti, collage, illustrazioni, pubblicazioni e film di numerosi artisti russi.


Il Dadaismo

Proposto da Hugo Ball, il dadaismo è un movimento culturale e artistico che si è sviluppato in Svizzera. Questa tendenza va contro la razionalità e rompe tutti gli schemi stabiliti dalle precedenti convenzioni artistiche. Il Dadaismo si estende a varie forme d'arte come la poesia, la scultura, la musica e la pittura; alcuni dei più importanti pittori sono Duchamp e Man Ray.

Tra le sale del prestigioso museo d’arte moderna e contemporanea di Madrid, fino al 22 ottobre, 500 opere inedite - tra oltre 200 dipinti, fotografie, documenti, film e brani audio - raccontano l’impegno di circa 90 artisti russi, ma non solo, tra la prima guerra mondiale e la morte di Lenin.

Da Nathan Altman a Man Ray, da Aleksandr Rodchenko a Olga Rozanova e Tristan Tzara, il percorso espositivo intitolato Dadaismo russo 1914-1924 ripercorre le intenzioni di quelle voci che, con ironia dissacrante, decisero di opporre il loro rifiuto alle campagne belliche e agli ideali classici, fondendo arte visiva e verbale. 

Divisa in tre sezioni, la mostra si apre con un focus sul 1914, con l'inizio della prima Guerra Mondiale; la tematica rivoluzionaria è invece protagonista della sezione relativa agli anni dal 1917 al 1924; l’ultima parte, denominata Dada Bridge, analizza leconnessioni tra la Russia e i principali centri che hanno accolto il movimento di protesta, come Parigi, Berlino e New York. Al museo Reina Sofia di Madrid (Spagna) fino al 22 ottobre 2018.

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
TREVISO

Morta dopo aver scelto una chemio non invasiva per partorie

La notizia del tumore al seno durante la gravidanza. Le cure meno forti le consentono di diventare madre, ma muore tre mesi dopo
TASSE

Fino al 25 ottobre è possibile integrare il proprio “730”

Nel caso si sia dimenticata una deduzione o una detrazione, si ricorre al modello integrativo. Per i rimborsi o le compensazioni...
La vittima, Melissa Trotter, e a dx Larry Swearingen
USA

Pena di morte, nuova esecuzione in Texas

Le ultime parole del condannato: "Perdonali, non sanno quello che fanno"
L'epicentro del sisma
LAZIO

Terremoto, scossa nel Tirreno vicino Roma

Non sono stati riportati danni a cose e persone né sulla costa né nella Capitale
Ufficio comunale chiuso
PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Quota 100: oltre 10mila domande nella Pa

E' boom di richieste di pensionamento ma è allarme "rimpiazzi" in comuni e ospedali
Carabinieri del Ros in azione
GIARDINI NAXOS

Ndrangheta: arrestato il latitante Riitano

Era ricercato per traffico internazionale di stupefacenti ed altro