Uccide il figlio di un anno con una coltellata

ULTIMO AGGIORNAMENTO 1:10

Una tragedia familiare, l'ennesima raccontata dalle cronache, quella avvenuta a Scarperia, in provincia di Firenze, dove un bambino di un anno è morto dopo essere stato colpito con un coltello dal padre al termine di quella che, come emerso dalle prime indagini, sarebbe stata una lite familiare. Il padre del bimbo, 34 anni, lo avrebbe colpito con una lama mentre si trovava ancora in braccio a sua madre, trentenne, anch'essa rimasta ferita alla testa e agli arti. A fermare la furia dell'uomo sarebbero stati i genitori e il fratello della compagna, allertati da lei stessa prima che la situazione degenerasse. I familiari, poi, hanno a loro volta chiamato i Carabinieri.

L'omicidio

Tutto si è consumato nell'arco di pochi minuti, poco dopo le ore 20. All'arrivo delle Forze dell'ordine, l'uomo è stato trovato in stato di choc e immediatamente arrestato, mentre la donna è stata trasportata presso l'Ospedale di Borgo San Lorenzo, dove ore è ricoverata ma non in pericolo di vita. Secondo la prima ricostruzione, la trentenne avrebbe cercato di proteggere il figlio fuggendo sulla terrazza dell'appartamento dove, tuttavia, è stata raggiunta dai fendenti del compagno, ormai fuori di sé. Entrambi i conviventi sarebbero già noti alle Forze dell'ordine. Secondo quanto riferito da alcuni testimoni, infatti, sarebbero state frequenti le litigate fra i due e, spesso, i carabinieri erano stati costretti a intervenire.

Indagini in corso

Alla ricostruzione dell'accaduto stanno lavorando i carabinieri e il pm di turno Fabio Di Vizio: all'arrivo dei militari, l'uomo si era già disfatto dell'arma, gettandola nel giardino sottostante, mentre compagna e figlio giacevano a terra, il secondo già privo di vita. Sul posto è arrivato il nucleo scientifico dei carabinieri per gli accertamenti. Il piccolo ucciso, aveva compiuto il suo primo anno di età solo il 3 settembre scorso.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.