Sparatoria a Fredericton: 4 morti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 14:30

Cono 4 i morti nella sparatoria che ha interssato la zona residenziale di Brookside Drive, a Fredericton, in Canada. Uno scontro a fuoco che, secondo quanto riportato da Skynews, sarebbe ancora in corso, tanto che la Polizia (citata dalla stessa rete) avrebbe invitato gli abitanti della zona a restare in casa. Secondo quanto riferito da una giornalista del 'New Brunswick', i primi colpi di pistola sarebbero stati uditi attorno alle 8.20 del mattino, ora locale. Al momento non è chiaro quali siano le cause del conflitto a fuoco: per ora, la Polizia ha parlato di “un incidente”, specificando però in quel momento come l'emergenza non fosse ancora conclusa. Successivamente la Polizia ha tratto in arresto una persona sospettata di essere coinvolta nella sparatoria, senza tuttavia fornire ulteriori dettagli sull'operazione. Secondo quanto riportato, due delle quattro persone uccise nelle sparatoria sono agenti della polizia.

 

#show_tweet#

 

“Situazione sotto controllo”

Al momento, come riportato via Twitter dalle Forze dell'ordine, non ci sarebbe più pericolo: “Adesso la  situazione è sotto controllo – hanno specificato -. Possiamo confermare che non ci sono ulteriori minacce per il pubblico e i blocchi adesso non sono necessaria. La polizia mantiene ristretta la scena del crimine, su cui lavoreranno per qualche tempo gli investigatori”. Solo pochi giorni fa, il 23 luglio scorso, per le vie di Toronto un'altra sparatoria aveva spezzato la tranquillità della giornata, provocando tre morti. L'Isis aveva rivendicato quell'attacco ma le autorità non avevano confermato la responsabilità dei jihadisti del sedicente Stato islamico.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.