Negli Stati Uniti è halloween di sangue: 4 morti e una bimba gravemente ferita

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:28

Era già stato preannunciato due giorni fa da un'esecuzione di massa avvenuta durante un party di halloween a Long Beach, in California, costato la vita a tre persone. Ieri, durante la serata che ricalca la ricorrenza pagana, negli Stati Uniti, dove halloween è molto popolare, sono avvenuti diversi scontri costati la vita a quattro persone. A Chicago una bambina di sette anni è stata colpita da un proiettile vagante sparato da un uomo coinvolto in una rissa. La bambina, che era per le strade vestita in costume da ape, è stata subito ricoverata d'urgenza e la sua prognosi resta riservata.

Violenza in una villa

#show_tweet2#

Non sono ancora stati resi noti i dettagli della sparatoria avvenuta durante un party di halloween questa notte in California. Per ora la polizia non ha rilasciato dichiarazioni ma, stando alle prime notizie riportate da CBS San Francisco, sarebbero almeno quattro i morti e una decina i feriti. La tragedia è avvenuta nella contea di Orinda, durante un evento che era stato pubblicizzato nei giorni scorsi sul social Instagram: “Festa nella residenza AirBnb” recitava il claim. Secondo quanto riferisce il quotidiano East Bay Times, i volantini della festa, distribuiti nei giorni precedenti, invitavano a portare alcol e droga con sé. I vicini hanno dichiarato forti rumori e un trambusto. Fra i partecipanti alla festa, c'è chi ha dichiarato che oltre agli spari, alcune persone avrebbero preso a pugnalare gli invitati. Il capo della polizia della contea, David Cook, ha dichiarato alla stampa che, al loro arrivo, nella casa c'erano oltre cento persone.

#show_tweet#

 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.