Messina: occupa abusivamente un’abitazione e la trasforma in bunker per lo spaccio

ULTIMO AGGIORNAMENTO 13:11

Un bunker per produrre e spacciare la droga è stato scoperto oggi a Siracusa. Gli agenti della Squadra mobile del capoluogo siculo hanno concluso una operazione antidroga in due principali piazze dello spaccio di Siracusa. Sono due gli arrestati, scrive il Giornale di Sicili: Orazio Breci, 36 anni, e Umberto Attardi, 21 anni, disoccupati, accusati di detenzione di sostanze stupefacenti.

Il bunker

Secondo quanto emerso nell’indagine della polizia, il ventunenne dopo aver occupato abusivamente un’abitazione popolare in piazza San Metodio, l’avrebbe trasformata in un bunker, dotato di porta blindata e di telecamere di sorveglianza collegate con dei monitor ad una regia. Il tutto, al fine di tenere sotto controllo sia l’attività di spaccio, sia il possibile arrivo delle forze dell’ordine. I due ragazzi, come disposto dalla Procura, sono ai domiciliari.

La fuga

Quando Breci ha visto i poliziotti arrivare nella palazzina in via Immordini, dove aveva luogo lo spaccio, ha sprangato il portone di ingresso, sequestrando di fatto i condomini, ed è salito sul terrazzo dell’immobile nel tentativo di darsi alla fuga. Lì è stato fermato ed arrestato.

Gli agenti della Squadra mobile, al comando del dirigente Gabriele Presti, sono riusciti ad entrare in casa solo dopo l’opera dei vigili del fuoco, che hanno forzato ed aperto la porta blindata. I poliziotti hanno controllato l’appartamento e, grazie al cane antidroga, hanno rinvenuto 18 dosi di marijuana, 27 di cocaina e 30 di hascisc oltre a 190 dosi pronte per lo spaccio, 3 bilancini di precisione e 130 euro in banconote di vario taglio, ritenuto il provento dell’attività di spaccio. I due ragazzi sono stati posti ai domiciliari.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.