Maxi confisca all'ex patron Valtur

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:59

Uno dei sequestri più rilevanti nella storia giudiziaria italiana”. Così è stato definito il provvedimento eseguito nei confronti degli eredi dell'imprenditore Carmelo Patti, originario di Castelvetrano (Tp) ex proprietario della Valtur (ora in amministrazione straordinaria), deceduto il 25 gennaio 2016.

Il decreto – emesso dal Tribunale di Trapani su proposta del direttore nazionale della Dia – ha riguardato un patrimonio stimato, per ora, prudenzialmente in oltre un miliardo e mezzo di euro e ha disvelato presunti interessi economici riferibili alla famiglia mafiosa di Castelvetrano, guidata dal latitante Matteo Messina Denaro.

Nello specifico, la Dia ha messo i sigilli a 23 aziende, oltre a 232 immobili sparsi in Italia, Costa d’Avorio, Marocco,  e Tunisia; tre resort siciliani: Punta Fanfalo, a Favignana; Isola Capo Rizzuto, a Crotone e Kamarina, a Ragusa; nonchè il Golf club Castelgandolfo e una grande barca, la Valtur Bahia, ormeggiata a Mazara del Vallo.

La storia

Carmelo Patti, morto a 81 anni, 3 figli, era cavaliere del lavoro e prima dei guai giudiziari, soprattutto con accuse di presunti rapporti con la mafia, era uno stimato industriale. Cominciò la sua scalata nell’imprenditoria da venditore ambulante. A 26 anni si trasferì al Nord lavorando come operaio alla Philco di Robbio (Pavia). Poi si mise in proprio cominciando a fabbricare cavi elettrici. Nel ’97 acquistò la Valtur entrando così anche nel settore del turismo. Il gruppo dei villaggi vacanze divenne uno dei primi in Italia.

Il cavaliere nel 2000 venne indagato per mafia dalla dda palermitana, dopo la trasmissione degli atti dalla procura di Marsala che aveva aperto un fasciolo contro di lui per falso in bilancio. Fra i primi a parlare di Carmelo Patti, il pentito Angelo Siino, considerato il “ministro dei lavori pubblici” della mafia. Patti veniva accusato di presunti rapporti con Messina Denaro, attuale capo della cupola siciliana. I sequestri susseguenti ai procedimenti costrinsero la governance a vendere il marchio di Valtur, ormai fallita. 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.