MERCOLEDÌ 06 MAGGIO 2015, 001:01, IN TERRIS

L'ISIS RECLUTA COMBATTENTI ALL'OMBRA DEL CREMLINO

Sembra che dalle repubbliche centroasiatiche siano oltre 4000 i miliziani pronti a battersi per lo Stato islamico

AUTORE OSPITE
L'ISIS RECLUTA COMBATTENTI ALL'OMBRA DEL CREMLINO
L'ISIS RECLUTA COMBATTENTI ALL'OMBRA DEL CREMLINO
L’Isis continua la sua ramificazione in ogni parte del mondo, anche nella capitale russa sembra che siano stati reclutati fino a quattromila miliziani pronti a battersi per il sedicente Stato islamico, rivela un reportage del quotidiano britannico The Guardian. E sempre più immigrati giunti in Russia dalle repubbliche centroasiatiche a maggioranza musulmana sono esposti alle sirene dei reclutatori ceceni che agiscono per conto del Califfato. Tagikistan, Kirghizistan, Uzbekistan, Kazakistan: terre da cui ogni anno partono migliaia di emigranti decisi a cercare fortuna in quella che fu la capitale dell’impero sovietico. Una parte di questi viene contattata direttamente dagli emissari del Califfato, spesso disposti a pagare per loro anche il costo del viaggio per la Siria. I reclutatori farebbero leva sulla fede religiosa dei migranti, ma anche sulle loro miserevoli condizioni socio-economiche, spiegando che una vita da liberi combattenti per lo Stato Islamico sarebbe comunque preferibile a un’esistenza da schiavi e sfruttati nella capitale russa.

Nel rapporto di gennaio dell’Internationa Crisis Group, inoltre, si mette in evidenza come dai territori dell’Isis vengano richiesti anche insegnanti, ingegneri e tecnici, non solo soldati. Il problema sembrerebbe particolarmente importante in Tagikistan, dove il presidente Emomali Rahmon ha già definito quello del califfato come una “seria minaccia” per il Paese e come la “peste del secolo”.

Da Mosca ha parlato il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, che ha promesso aiuti alla repubblica centroasiatica per arginare il problema dei foreign fighters. In particolare, il Cremlino sarebbe interessato a supportare le autorità tagike a mettere in sicurezza la frontiera con l’Afghanistan, che rappresenta uno dei punti più caldi delle rotte asiatiche della jihad. Anche il presunto leader dei combattenti tagiki per l’Isis Nusrat Nazarov ha fatto le sue dichiarazioni in un videomessaggio in cui si sente che “tutti i tagiki verranno a combattere in Siria” e sarà grazie a loro che “porteremo la jihad in Tagikistan e vi stabiliremo la legge di Allah”.
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
L'esultanza del Milan al termine del match contro il Bologna
CALCIO | SERIE A

Frenano Roma e Napoli, sorride il Milan

Giallorossi e partenopei fermati sullo 0-0 da Chievo e Fiorentina. Primo successo per Gattuso, ok Udinese e Sassuolo
Monsignor Antonio Riboldi
NAPOLI

Addio a monsignor Riboldi, protagonista della lotta alla camorra

Il vescovo emerito di Acerra (Napoli) si è spento all'età di 94 anni
Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella
MATTARELLA

"Il rispetto dei diritti umani è il pilastro di una società giusta"

Il messaggio del presidente della Repubblica in occasione della Giornata mondiale per i diritti umani
Il Duomo di Milano
CONCERTO DI NATALE

Arie sacre in Duomo di Milano

In scaletta le più belle "Ave Maria" del reportorio classico
Spelacchio
NATALE A ROMA

"Spelacchio", l'albero più sbeffeggiato sui social

L'abete di Piazza Venezia è considerato uno dei peggiori che Roma Capitale abbia mai avuto
La Stazione spaziale internazionale
MICRORGANISMI IN ORBITA

Trovati batteri terrestri all'interno della Stazione Spaziale

Sono stati portati in orbita dagli astronauti