Cadavere a pezzi trovato in buste dell’immondizia in un bosco a Lavinio

A Lavinio si indaga sul mistero di un corpo fatto a pezzi, messo in sacchi neri e poi sepolto. La vittima vestita con la tuta della Roma

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:17

Macabra scoperta in un boschetto di Lavinio, sul litorale vicino Roma. Un uomo ha trovato i resti di un corpo fatto a pezzi e sotterrato in due buste dell’immondizia a circa 10/15 centimetri di profondità. L’uomo, che era andato a funghi, ha visto un teschio che si intravedeva sotto terra e ha dato l’allarme.

Sul posto sono giunti i carabinieri della compagnia di Anzio  agli ordini del comandante Giulio Pisani che hanno avviato le ricerche e trovato le due buste contenenti le altre parti del cadavere. Da un primo accertamento medico-legale, sembra che la morte risalga tra i due e gli otto anni fa, ma non si esclude possa essere ancora meno recente.

La tuta della Roma

Si attendono gli esiti degli accertamenti autoptici. Da chiarire se si tratti di un uomo o una donna e anche l’età. La persona indossava una tuta della Roma. Tra le ipotesi più accreditate – scrive Ansa – quella che possa trattarsi di una persona scomparsa. La scoperta è stata fatta ieri pomeriggio in un boschetto che si trova davanti a un residence con circa 180 appartamenti per lo più occupati abusivamente.

Omicidio o occultamento?

L’indagine non sarà semplice. Le ultime denunce sono infatti piuttosto datate e qualche indicazione utile potrà arrivare solo dagli accertamenti medico-legali, che dovranno stabilire – oltre al sesso, all’età e alla data del decesso della vittima – anche se si tratti o meno di omicidio. Il sostituto procuratore della Repubblica di Velletri, Giuseppe Travaglini, ha aperto un’inchiesta. L’ipotesi al momento è solo quella di occultamento e distruzione di cadavere. 

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: [email protected]
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.