SABATO 16 FEBBRAIO 2019, 10:59, IN TERRIS


VIGNATE (MI)

Lascia la ragazza morta in auto, scappa e manda il padre

E' stato arrestato il pirata della strada: ha precedenti per droga

MILENA CASTIGLI
Facebook Twitter Copia Link Invia Scrivici
Chiara Venuti e la Clio distrutta
Chiara Venuti e la Clio distrutta
U

n uomo di trentadue anni - Manuel I., un italiano 32enne con precedenti per droga - è stato fermato dai carabinieri con le accuse di omicidio stradale e fuga in caso di omicidio stradale. Nella tragica notte tra il 9 e il 10 febbraio, c'era infatti lui alla guida - e non suo padre come aveva inizialmente tentato di far credere -  dell'Audi che si era schiantata frontalmente sulla Sp161, a Vignate, contro una Renault Clio. A bordo dell'utilitaria, tre ragazze. La giovane alla guida, la 25enne Chiara Venuti, era morta praticamente sul colpo, mentre le sue amiche - entrambi 24enni - erano rimaste ferite in condizioni gravi.

Manuel, dinanzi alla Clio sventrata, aveva lasciato le tre ragazze incastrate nella loro auto ed era scappato a casa. Lì, avrebbe chiesto a suo padre di tornare sul luogo dell'incidente per addossarsi la colpa. Ma, una volta giunti i carabinieri per i rilievi, avevano subito notato alcune incongruenze nel raccolto dell'anziano padre. È bastato poco per scoprire la triste verità: il figlio era scappato lasciando le ragazze in auto. 


"Ho avuto paura"

La sua fuga è finita nelle scorse ore quando lui stesso si è presentato spontaneamente ai carabinieri. È immediatamente scattato un fermo di polizia giudiziaria, già convalidato dal giudice per le indagini preliminari. Sembra che il 32enne, che ha confessato le proprie responsabilità, ai carabinieri abbia detto di essere fuggito perché aveva avuto paura delle conseguenze. Il pirata della strada ora si trova nel carcere di San Vittore ed è stato sottoposto agli esami tossicologici all'ospedale di Melzo per accertare se al momento dell'incidente fosse sotto effetto di sostanze stupefacenti. Suo padre è stato invece denunciato a piede libero per frode processuale. 

 

Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Sea Watch
MIGRANTI

Il comandante della Sea Watch ai pm: "Rifarei tutto"

Arturo Centore, interrogato alla Procura di Agrigento, si sarebbe assunto la piena responsabilità di quanto accaduto
Migranti
GOVERNO

Sicurezza bis, via il riferimento al soccorso dei migranti

Nuova bozza che punta a risolvere le criticità palesate dal Colle. Il Viminale: "Ora l'approvazione"
Manifesto con il volto di Stefano Cucchi
IL PROCESSO

Cucchi, Arma e Difesa chiedono di essere parte civile

Il gip Antonella Minunni si è riservata di decidere. Ilaria Cucchi: "Una cosa senza precedenti"
Incendio doloso alla sede della municipale di Mirandola (MO)
MIRANDOLA

Rogo nella sede dei vigili: due morti. Arrestato un uomo

Le fiamme di origine dolosa: fermato un nordafricano. Salvini: "Azzerare immigrazione clandestina"
Niki Lauda
F1

Lauda, il pilota che capiva la macchina

Un campione discreto, con l'orecchio assoluto per l'automobile
Ambulanza (immagine di repertorio)
MORTI BIANCHE

Piacenza, operaio muore sotto una lastra d'acciaio

La tragedia in un'azienda meccanica, la vittima aveva 68 anni
Isaias Rodriguez
L'ANNUNCIO

Venezuela: si dimette l'ambasciatore in Italia

Il diplomatico ha spiegato la sua decisione in una lettera a Maduro
Don Buonaiuto a
PROSTITUZIONE

Don Buonaiuto: "Basta proteggere gli schiavisti"

Il prete di strada a "Storie Italiane": "Clienti pensano di poter comprare corpi"