Incendio doloso in un palazzo: 10 morti e 1 arresto

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:40

Almeno 10 persone, fra cui un bambino, sono morte e una è rimasta gravemente ferita nell’incendio scoppiato in un immobile in un quartiere residenziale di Parigi. L’incendio è divampato in un edificio di otto piani nella zona sud-occidentale della capitale francese intorno all’una di notte per cause ancora da accertare. L’immobile del 16esimo arrondissement è poco distante dallo stadio del Parco dei Principi. Sul posto sono intervenuti 200 vigili del fuoco. 

I pompieri – accorsi sulla scena dopo una chiamata arrivata intorno all’una di notte – sono riusciti a domare il fuoco poco dopo le sei di martedì mattina, dopo un intervento durato ben cinque ore. I vigili del fuoco hanno parlato di “una scena di incredibile violenza”. Almeno 30 persone, compresi sei soccorritori, hanno riportato ferite lievi. “Abbiamo dovuto portare via molte persone, comprese alcune che si erano rifugiate sui tetti. Trenta sono state evacuate sulle scale”, ha riferito il portavoce dei pompieri, Clement Cognon. Due edifici vicini alla palazzina sono stati evacuati per precauzione; al momento, la zona è stata isolata dalla polizia mentre si cercano sistemazioni per i residenti che non possono rientrare nei loro appartamenti.

L'arresto

“Per il momento l'ipotesi privilegiata è l'incendio doloso. Una persona è stata arrestata”, ha annunciato il procuratore della Repubblica di Parigi, Remy Heitz. Dalle prime informazioni, si tratterebbe di una donna psicopatica di 41 anni. E' stata femata davanti al palazzo in fiamme questa notte con l'ipotesi d'incendio doloso: come riferito dalla tv BFM. Le Parisien ha specificato che, mentre l'incendio era in corso la donna, stava tentando di dare fuoco anche a un'auto parcheggiata nei pressi. Era ubriaca ed ha spiegato il gesto parlando di una lite con un vicino.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.