Hupe Solo accusa Blatter: “Mi ha molestata”

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:54

Lo scandalo delle molestie sessuali si allarga e, dopo aver colpito il mondo del cinema e della politica, ora stende la sua ombra anche nel mondo del calcio. Nel mirino l'ex numero uno della Fifa, Sepp Blatter, accusato di aggressione a sfondo sessuale da Hope Solo, un'icona del soccer femminile. Solo, 36 anni, di origine italiana, è stata il portiere della nazionale Usa campione del mondo nel 2015 e due volte campione olimpica nel 2008 e 2012.

“Molestata alla consegna del Pallone d'Oro”

La giocatrice, come riportano diversi media americani, racconta a una rivista portoghese di essere stata molestata nel 2013, in occasione della cerimonia per il Pallone d'oro. Blatter l'avrebbe importunata prima che i due salissero sul palco. Un rappresentante della calciatrice, nata nello stato di Washington e figlia di un veterano del Vietnam di origine italiana, conferma l'intervista al magazine portoghese, spiegando però che la campionessa non ha altri commenti da fare. Blatter, dal canto suo, ha invece commentato la vicenda sul quotidiano britannico Guardian, definendo le accuse “ridicole”. 

Hupe Solo, una carriera da campionessa

La favola di Solo nella Nazionale di Calcio femminile Usa si è interrotta alle Olimpiadi dello scorso anno in Brasile, quando gli Usa furono eliminati dalla Svezia. La donna, carismatico portiere (con un primato assoluto di 1.054 minuti di imbattibilità della propria porta) accusò le colleghe svedesi di essere “codarde” per la loro tattica estremamente difensiva. Per questo sfogo fu sospesa dalla nazionale nella quale non ha più voluto fare ritorno. In un post su Instagram l'atleta aveva denunciato le molestie subite nel corso degli anni nel mondo del calcio.

 

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.