GIOVEDÌ 22 GIUGNO 2017, 13:09, IN TERRIS

Dottoressa uccisa a Teramo: si è suicidato il presunto killer

Un'amica della nota oncologa scomparsa ieri, ha riferito all'Ansa che le due "denunce contro il suo stalker, erano state entrambe archiviate"

REDAZIONE
Dottoressa uccisa a Teramo: si è suicidato il presunto killer
Dottoressa uccisa a Teramo: si è suicidato il presunto killer
Il presunto killer di Ester Pasqualoni, l'oncologa accoltellata a morte ieri pomeriggio nel parcheggio dell'ospedale Val Vibrata di Sant'Omero, è stato trovato morto suicida in un appartamento di Martinsicuro (Teramo). Secondo quanto hanno riferito gli investigatori, sarebbe lui il killer della dottoressa e sarebbe anche lo stalker che la perseguitava.

L’aggressione


La nota oncologa, aveva da poco finito il suo turno e si stava recando verso la sua auto, quando un uomo l’ha aggredita nel parcheggio, le ha tagliato la gola e le ha inferto una coltellata al petto. La dottoressa è stata trovata riversa a terra, in una pozza di sangue, da un altro medico che però ha solo potuto constatare la sua morte.

Uno stalker la perseguitava


La dottoressa, originaria di Roseto degli Abruzzi, di recente aveva sporto denuncia – per ben due volte – nei confronti un uomo che la perseguitava. “Abbiamo idea di chi possa essere l’omicida e lo stiamo cercando”, ha dichiarato un investigatore, come riportato dal sito online de La Repubblica. Ma, come riferito all'Ansa da Caterina Longo, un'amica della dottoressa, le "due denunce contro il suo stalker erano state entrambe archiviate". Secondo la Longo, lo stalker perseguitava la Pasqualoni da diversi anni, "la osservava e seguiva, sempre e dappertutto. Si era intrufolato nella sua vita non sappiamo neanche come, con artifici e raggiri. Non era un suo ex, non avevano niente a che fare, era solo ossessionato da lei".





Foto di Emmelle Tv
Spazio al lettore: per commentare questo articolo scrivi a direttore@interris.it

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.
Facebook Twitter Google + Scrivici Scrivici
Commenti

Gentile lettore, 

la redazione si riserva di approvare i commenti prima della loro pubblicazione. 

Fai una donazione
Vuoi essere aggiornato?
NEWS
Ousseynou Sy e il bus distrutto dalle fiamme
SAN DONATO MILANESE

Bus dirottato, i pm: "Sy resti in carcere"

Secondo gli inquirenti sussiste il pericolo di reiterazione. Al vaglio le dichiarazioni dell'autista
Corteo Festa del Tricolore a Catania
CATANIA

All'ospedale giovane aggredito da 30 antifascisti

Il 18 stava distribuendo volantini di una comunità giovanile identitaria: rotto uno zigomo
Bambino al rubinetto dell'acqua
GIORNATA MONDIALE DELL€ACQUA

Unicef: "Più bimbi morti per diarrea che per proiettili"

Oltre 4,5 miliardi di persone non usano servizi igienico-sanitari sicuri
Aereo che ha portato Xi a Roma
ACCORDO ITALIA-CINA

Conte e Di Maio difendono la Via della Seta

Premier e vicepremier 5Stelle: "Nuove opportunità". E intanto giungono critiche dal Finantial Times
LORETO

Al via il pellegrinaggio dei giovani dell'Unitalsi

Una delegazione donerà al Papa un simbolo dell'Associazione
La stazione Termini a Roma
STAZIONE TERMINI

Paura in centro a Roma: minaccia i passanti con una pala

Prima aveva tentato di rapinare un'edicolante nella Galleria
Il bus incendiato nel milanese
LA CIRCOLARE

Viminale: stretta sulle patenti degli autisti dei bus

Maggiori controlli e raccordo operativo con le motorizzazioni civili
Cina: la violenta esplosione nell'impianto chimico
CINA

Esplode impianto chimico: 47 morti

Il presidente Xi in visita in Italia: "Massimo sforzo per salvare vite umane"
Il Fronte al-Nusra
ABRUZZO E ALTRE REGIONI

Finanziavano i terroristi: 20 indagati

Le ipotesi investigative sarebbero riconducibili al movimento radicale islamico Al-Nusra
La tendopoli
SAN FERDINANDO

Ancora un rogo: morto un migrante

Incendio nella tendopoli che ospita le persone sgomberate dalla vecchia baraccopoli