Corruzione elettorale: 3 arresti

ULTIMO AGGIORNAMENTO 10:38

Appalti e corruzione elettorale. Con queste ipotesi di accusa, i finanzieri del Comando Provinciale di Milano, su disposizione della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Busto Arsizio, hanno dato esecuzione questa mattina a tre arresti e a una serie di perquisizioni. Le Fiamme gialle, secondo le prime informazioni riportate da ansa, stanno eseguendo numerose perquisizioni ed un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dal gip di Busto nei confronti di tre soggetti “indagati a vario titolo per turbata libertà degli incanti, turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e corruzione elettorale”.

Indagata Lara Comi

Ieri si è appreso che Lara Comi risulterebbe indagata per finanziamento illecito nell'ambito dell'inchiesta milanese su appalti e tangenti. Gli inquirenti starebbero vagliando alcune fatture emesse da società che vedrebbero tra i soci la candidata di Forza Italia. Si tratterebbe del corrispettivo per consulenze sullo sviluppo di piani legati all’espansione sui mercati europei, un’operazione ora all’esame dei magistrati. “Accusa assurda, io continuerò a fare campagna elettorale”, ha risposto alle accuse au Adnkronos l'europarlamentare.

Se vuoi commentare l'articolo manda una mail a questo indirizzo: scriviainterris@gmail.com
Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Pur avendo messo tutti i filtri necessari, potrebbe capitare di trovare qualche banner che desta perplessità. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori.